Goldman, l’affaire Unocal potrebbe avere senso per Eni

QUOTAZIONI Eni
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Un affare che potrebbe avere un senso strategico. Ecco come gli analisti di Goldman Sachs giudicano il ventilato interesse di Eni su Unocal. “Pensiamo che gli asset di Unocal si posizionerebbero bene nel portafoglio di Eni, dal momento che darebbero alla società accesso in nuove aree di produzione, permetterebbero di diversificare il rischio politico, rafforzarebbero la sua presenza negli Stati Uniti e in Asia e avrebbe accesso alla capacità dell’oleodotto nel Caspio per il crude”, sono le motivazioni addotte dagli analisti di Goldman Sachs nel report uscito oggi e raccolto da Spystocks. “Assumendo un premio del 20% sul takeover, l’acquisizione di Unocal potrebbe avvenire a un prezzo di 17 miliardi, una cifra che Eni potrebbe sostenere senza dover raccogliere nuovi capitali, per esempio la vendita della rimanente quota del 50% di Snam”, aggiungono. Raccomandazione in-line confermata. Secondo Goldman il profilo interessante e il buon dividendo di Eni sono controbilanciati dall’incremento del rischio politico insito nel suo portafoglio e bassi ritorni nei nuovi progetti.

Commenti dei Lettori
News Correlate
EUROPA

Total: utile netto balza del 77% nel primo trimestre 2017

Trimestrale migliore delle aspettative per Total in uno scenario caratterizzato dalla risalita dei prezzi del petrolio. In particolare, il colosso petrolifero francese ha visto l’utile netto rettificato balzare del 56% a 2,6 miliardi di dollari (cons…