Gm, rientra lo sciopero e il titolo vola a Wall Street

Inviato da Daniela La Cava il Mer, 26/09/2007 - 16:01

A mezz'ora dall'inizio delle contrattazioni a Wall Street General Motors (Gm) inserisce la quarta e imbocca con decisione la strada dei rialzi. In questo momento il gruppo guidato da Rick Wagoner guadagna il 7,2%, scambiando a 36,85 dollari contro la chiusura di ieri a quota 34,42.
Il colosso automobilistico a stelle e strisce viaggia con una marcia in più grazie ai segnali di distensione arrivati da Detroit in tarda mattinata. Gm e il sindacato di categoria United Auto Workers (Uaw) hanno sottoscritto una lettera d'intenti che ha così posto fine allo sciopero nazionale che ha visto coinvolti circa 74 mila lavoratori del big statunitense.

La bozza, che deve essere ancora ratificata, prevede l'istituzione di un fondo pensionistico autonomo per le prestazioni sanitarie dei lavoratori, così come dei cambiamenti al contratto nazionale. In seguito alla ratifica, il passo successivo sarà poi l'approvazione da parte della Corte del memorandum of Understanding, e poi soddisfare il controllo a livello di trattamento contabile da parte della  Sec (Securities and Exchange Commission). 

La multinazionale di Detroit ha dato la sua disponibilità per realizzare investimenti significativi con l'intento di rafforzare la presenza industriale negli Stati Uniti, nonché di fornire maggiori garanzie di stabilità occupazionale. Come si apprende in un comunicato diramato dal gruppo, l'accordo getta le basi per un miglioramento della competitività e per il mantenimento e il potenziamento degli asset industriali strategici Oltreoceano.
"È stata una contrattazione delicata e complessa, forse la più difficile nella storia dei rapporti tra Gm e  Uaw " ha spiegato Rick Wagoner, presidente e amministratore delegato di General Motors. Intanto, il presidente dell'Uaw, Ron Gettelfinger, ha annunciato che  il ritorno al lavoro avverrà già da oggi, mentre la ratifica dell'intesa da parte dei dipendenti della General Motors comincerà questa settimana.
 

COMMENTA LA NOTIZIA