Gli operatori preferiscono aspettare: chiusura in parità per le borse Usa

Inviato da Flavia Scarano il Mar, 13/11/2012 - 09:05
L'ottava dei listini statunitensi inizia all'insegna della prudenza. Perfetta parità per Wall Street, penalizzata dalle tensioni in arrivo dall'Europa e dallo spauracchio rappresentato dal fiscal cliff, il precipizio fiscale che potrebbe colpire la prima economia entro fine anno. Il Dow Jones ha chiuso la prima seduta della settimana a 12.815,08 punti (parità), lo S&P si è fermato a 1.380,03 (+0,01%) e il Nasdaq a 2.904,26 (-0,02%).

le società che hanno presentato i conti spicca il -5,83% di D.R. Horton penalizzata da una crescita del fatturato sotto le stime e tonfo per la rivale Beazer Homes (-17,25%) che ha registrato un rosso trimestrale maggiore delle attese. Chiusura di poco sopra la parità invece per Caterpillar (+0,27%) nonostante la bocciatura a "neutral" annunciata dagli analisti di J.P. Morgan (-0,1%). Tra le altre storie del giorno segnaliamo il +3,59% di Best Buy, che ha nominato Sharon McCollam, già executive per Williams-Sonoma (+0,46%), alla carica di chief financial officer, e +3,16% per Research In Motion che il 30 gennaio presenterà il BlackBerry 10.
COMMENTA LA NOTIZIA