1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Giu’ i petroliferi, bene Capitalia e Fiat

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

A Piazza Affari, dopo i guadagni anche a doppia cifra del giorno prima, i titoli petroliferi hanno di nuovo battuto in ritirata, subendo il ritracciamento delle quotazioni del greggio sui principali mercati delle materie prime. Tra le blue chip deboli soprattutto Saipem (-2,09%) e Tenaris (-3,23%), mentre tra le mid-cap Erg (-3,91%) si è distinta per avere accusato uno dei cali maggiori del Midex. Sull’S&P/Mib gli ordini di vendita sono fioccati su Bulgari, Monte dei Paschi di Siena, Italcementi, Ras, Lottomatica e Alitalia. Quest’ultima ha ceduto poco più del 3%, messa a terra dalla decisione del Consiglio di Stato di accogliere la domanda sospensiva della gara per Volare avanzata da Air One, rimettendo quindi il caso nelle mani del Tar. La compagnia di Carlo Toto, dopo che un primo ricorso era stato respinto dal Tar, si era rivolta al Consiglio di Stato per una presunta irregolarità formale nell’asta a buste chiuse che avrebbe poi assegnato Volare ad Alitalia. Ora la palla tornerà al Tar, che dovrà mettere una volta per tutte la parola fine al contenzioso. Le migliori performance dell’S&P/Mib hanno portato la firma di Fiat e Capitalia, entrambe con rialzi di circa lo 0,70%. Per quanto concerne la banca romana, da segnalare che l’amministratore delegato, Matteo Arpe, e il condirettore generale, Fabio Gallia, hanno esercitato le stock option loro assegnate nell’ottobre 2002 e hanno integralmente investito la plusvalenza in titoli Capitalia. Non solo, ma Arpe ha acquistato sul mercato ulteriori 100mila azioni Capitalia a 6,10 euro per titolo (il titolo ha chuso il mercoledì a 6,16 euro). Fiat ha invece sorriso alla ripresa di tono, dopo giorni di lettera, delle quotazioni della Juventus (+5,7%). A riguardo, Franzo Grande Stevens ha rifiutato la riconferma a presidente della Vecchia Signora della nuova era, quella post-triade. L’avvocato, molto vicino alla famiglia Agnelli, dovrebbe lasciare la poltrona ad un dirigente di provenienza sportiva e qualcuno ha fatto il nome di Dino Zoff, storico portiere bianconero e della Nazionale.