Giornata rialzista per Wall Street

Inviato da Redazione il Mar, 14/09/2010 - 07:33
Wall Street chiude positiva in scia delle indicazioni arrivate da Basilea (innalzati i requisiti di capitalizzazione delle banche), dalla Cina (+13,9% per la produzione industriale e +18,4% delle vendite al dettaglio) e dalla Commissione europea, che ha rivisto al rialzo la crescita 2010 del Vecchio continente (1,7%). Dal fronte macro un solo dato di rilievo, quello relativo il budget federale, che ha registrato un rosso di 90,5 mld di dollari, al di sotto sia dei -103,5 mld di un anno fa e sia rispetto ai -95 mld del consenso. Il Dow Jones ha terminato la seduta in rialzo dello 0,78% portandosi a 10.544,13 punti, +1,11% dello S&P che si porta a 1.121,9 e +1,92% del Nasdaq a 2.285,71. A livello societario, M&A sempre sotto i riflettori. HP (+0,21%) ha acquistato ArcSigh (+25,1% a 43,91$) per 1,5 miliardi di dollari e Laboratory Corp (-4,7%) ha acquisito da Genzyme (-0,71%) la divisione Genzyme Genetics per un controvalore di 925 milioni di dollari. Nonostante la vendita della divisione Genetics, Sanofi-Aventis ha confermato l'offerta da 69 dollari per azione per l'acquisizione di Genzyme. Hertz (+7,86%) intanto ha alzato l'offerta per Dollar Thrifty Automotive Group (+5,35% a 50,58$) a 50 dollari per azione, pari a 1,56 miliardi complessivi. L'offerta di Hertz supera di quasi 3 dollari i 47,15 messi sul piatto dall'altro pretendente, Avis Budget (+7,14%). Tra i finanziari, gli analisti di Citigroup (+2,05%) hanno ridotto le stime sugli utili per azione 2010 di Goldman Sachs (+2,65%) e Morgan Stanley (+2,13%), citando come motivo il rallentamento delle attività di trading durante il trimestre. Per quanto riguarda gli altri giudizi, Deutsche Bank ha ridotto la valutazione su Exxon Mobil (-0,33%) da "buy" a "hold" mentre Goldman Sachs ha tolto il titolo 3M (+1,1%) dalla sua "conviction buy list". +7,68% invece per Xerox, in scia di un report di Barron's, secondo cui le azioni XRX nei prossimi 12 mesi sono destinate a raddoppiare di valore.
COMMENTA LA NOTIZIA