1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Giornata incerta per Milano, Fiat protagonista -2

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

All’interno del comparto bancario performance deludenti quest’oggi per Unicredit (-1,8%) che nel pomeriggio ha alzato il velo sui conti trimestrali. Il gruppo bancario di piazza Cordusio ha chiuso il primo semestre 2010 con un utile netto di pertinenza del gruppo di 669 milioni di euro, di cui 148 milioni nel secondo trimestre. L’ultimo trimestre è stato influenzato negativamente da 162 milioni di rettifiche di valore sull’avviamento relativo alla controllata in Kazakhstan. Al netto di tali rettifiche, l’utile del secondo trimestre risulta pari a 310 milioni. Il consensus Bloomberg era per un utile trimestrale a 225 milioni dai 490 dell’analogo trimestre 2009. Giornata di conti anche per Prysmian (+0,45%). Nei primi sei mesi il gruppo ha riportato un utile netto di 44 milioni di euro, in forte contrazione rispetto ai 150 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. L’utile netto rettificato si è attestato a 77 milioni, -18,1% dai 94 milioni di un anno fa. L’Ebitda adjusted ha subito una flessione del 6,5% a 181 milioni, ma quello del secondo trimestre (106 milioni) è in ripresa rispetto a quello dei primi tre mesi del 2010 (75 milioni). E così la ex Pirelli Cavi ha confermato i target di redditività 2010: Ebitda adjusted a 350/400 milioni di euro.
Tra i titoli minori spicca la performance positiva di Reno De Medici (+8,12%) dopo il ritorno all’utile registrato nella prima parte del 2010. Il gruppo attivo nel mercato mondiale del cartone da riciclo ha terminato il primo semestre 2010 un utile netto per 892 mila euro, in crescita rispetto al 30 giugno 2009 quando era negativo per 726 mila euro.