1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Giappone/Fmi: positiva politica del premier Abe. Confermate previsioni su PIl 2013/2014

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il Fondo monetario internazionale ha accolto positivamente le politica di rilancio presentata dal nuovo Governo giapponese di Shinzo Abe (le misure dette Abenomics), ma l’ha esortato a non abbassare la guardia e ad adottare delle riforme strutturali per fronteggiare dei “rischi significativi” per l’economia nipponica. “Le autorità hanno lanciato un programma ambizioso” per rilanciare la crescita in Giappone che “offre l’occasione per porre fine a molti anni di deflazione e di moderata crescita” afferma l’istituto guidato da Christine Lagarde in un rapporto sul Paese asiatico. Secondo il Fmi l’economia del Sol Levante dovrebbe crescere a un ritmo sostenuto nel breve termine grazie al nuovo piano di rilancio. “Nei primi mesi dell’anno l’economia è rimbalzata con decisione, trainata dai consumi e delle esportazioni” si legge in una nota. Un segnale incoraggiante che indica che “la nuova politica sta dando i suoi frutti”. Quanto alle previsioni per il 2013 l’istituto si attende una crescita dell’1,6% e dell’1,4% per l’anno prossimo. “Nonostante il buon avvio, ci sono notevoli rischi al ribasso per le prospettive” avverte il Fmi. Per David Lipton, numero due del Fondo monetario internazionale, il cosiddetto Abenomics rappresenta un’opportunità unica per uscire deflazione e da una lenta crescita lenta, e invertire l’aumento del debito pubblico.

Commenti dei Lettori
News Correlate
DATI MACROECONOMICI

BB Biotech nuovamente in utile

BB Biotech chiude il 2017 tornando in utile: i profitti netti si sono attestati a 688 milioni di franchi, a fronte di una perdita netta di 802 milioni nell’intero 2016. …

MERCATI

Fmi: tonfo azionario “inevitabile”

Il tonfo azionario di due settimane fa era “forse inevitabile”. Parola del Fondo Monetario Internazionale, che spiega come comunque “l’economia continui a crescere”. …

STATI UNITI

Lloyd Blankfein: non mi sentivo così bene dal 2006

“Le probabilità di un esito negativo sono cresciute”. Così Lloyd Blankfein, n.1 di Goldman Sachs, ha descritto l’attuale contesto negli Stati Uniti. Blankfein, nel corso di un’intervista concessa a Christine …