1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Giappone, sulle ali dell’export (Fondionline.it) -2

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le principali società giapponesi si aspettano un 2007 molto favorevole. Toyota prevede una crescita degli utili compresa tra il 7% e il 10%. Canon stima che i suoi profitti derivanti dalle vendite all’estero aumenteranno dell’8,7%. Jean-Philippe Cotis, economista capo dell’OEDC, sostiene che il problema principale per l’economia giapponese è la scarsa propensione al consumo delle famiglie. Questa tendenza dovrebbe tuttavia garantire una crescita più equilibrata, perché contribuirebbe a ridurre l’eccessiva dipendenza dalle esportazioni. Negli ultimi anni la fiacchezza dei consumi interni ha trovato terreno fertile nella debolezza dei salari reali.
Il mese di gennaio ha mostrato qualche segnale di ripresa per i consumi privati. La spesa media mensile delle famiglie è salita fino ai 1.937 euro, l’1,4% in più rispetto a dicembre e lo 0,6% in più rispetto a gennaio del 2006. Questo indicatore riveste un’importanza particolare in Giappone: i consumi privati equivalgono al 55% del Pil. Un altro elemento di preoccupazione è la discesa della produzione industriale (che in gennaio ha registrato il calo, -1,5%, più elevato degli ultimi tre anni). Si tratta del primo indebolimento di tale indicatore negli ultimi quattro mesi, dopo una fase in cui i livelli hanno battuto i record alla fine del 2006. Il motivo principale del risultato negativo conseguito da questo indicatore è stata la minore produzione di automobili da parte dei fabbricanti giapponesi per il mercato nordamericano.
Il 21 febbraio la Bank of Japan – convinta della bontà del nuovo trend rialzista dei prezzi al consumo e dell’abbandono definitivo della deflazione- ha alzato i tassi di interesse di un quarto di punto, posizionandoli allo 0,5%, il livello più alto dell’ultimo decennio. A supporto della decisione della BoJ è arrivato sia il dato sull’andamento dei redditi familiari (in aumento), sia quello sul trend dei prezzi all’ingrosso (+1,8% rispetto al febbraio 2006, ma in rallentamento negli ultimi cinque mesi). (segue).