Giappone, danni da 250 milioni di dollari per chiusura impianti auto in Cina

Inviato da Floriana Liuni il Gio, 20/09/2012 - 12:08
Si stimano 250 milioni di dollari in perdite per la mancata produzione di auto da parte di aziende giapponesi costrette a chiudere le serrande nelle città cinesi colpite dalle proteste riguardo alle sole Senkaku, contese tra Cina, Giappone e Taiwan. Seocndo la stampa internazionale, Nissan Motors, Toyota e Honda, dopo lo stop alla produzione, hanno perso un volume di produzione pari a 14 mila veicoli del valore medio di 18 mila dollari giovedì scorso. E il numero potrebbe aumentare con il protrarsi delle manifestazioni nei prossimi giorni, con l'infiammarsi delle spinte di boicottaggio cinese nei confronti di beni giapponesi.

COMMENTA LA NOTIZIA