1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Giappone: BoJ delude, ma volatilità JGB e yen diminuirà con l’emergere di effetti su economia (analisti)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Si accentua la salita delle quotazioni dello yen sul mercato valutario a seguito del nulla di fatto da parte della Bank of Japan. La divisa nipponica si è rafforzata rispetto alle altre valute con cross dollaro/yen sceso fino a 96,46 per poi attestarsi a 96,9. Al termine della due giorni di riunione, la banca centrale nipponica ha deluso gli investitori che avevano previsto misure per arginare la volatilità dei titoli di Stato, in particolare la possibile estensione della durata massima per i prestiti a tasso fisso della banca centrale (attualmente il limite è fissato a un anno).
“I rendimenti hanno reagito al rialzo così come lo yen – commenta Asmara Jamaleh di Intesa Sanpaolo – perché si erano create aspettative per l’introduzione di LTRO mirate a controllare la volatilità dei JGB”. L’esperta di Intesa ritiene che la volatilità dovrebbe diminuire da sé “quando si inizieranno a vedere i miglioramenti attesi dell’economia e quando i mercati avranno compreso meglio la recente rivoluzione di policy con lo yen che dovrebbe quindi gradualmente tornare a riaffacciarsi a quota 100”.
Il governatore della Bank of Japan (BoJ), Haruhiko Kuroda, ha rimarcato che l’istituto centrale è pronto a prendere in considerazione la possibilità di estendere in futuro la durata delle sue operazioni di mercato a tasso fisso se si renderà necessario arginare un eccessivo aumento dei rendimenti obbligazionari.