1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

I gestori continuano a preferire le azioni, ma con un occhio in più ai tassi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gli asset manager  sono preoccupati per il rialzo dei tassi a livello globale, ma mostrano ancora una preferenza per le azioni rispetto ai bond. E’ questo il risultato della consueta survey mensile di Merril Lynch realizzata presso più di 200 gestori che insieme gestiscono un totale di 689 miliardi di dollari. Il 66% del campione ha infatti dichiarato in giugno di sovrappesare le azioni, contro il 62% di maggio. Stessa percentuale (il 66%) di coloro che sottopesano invece l’obbligazionario.


 

L’asset allocation resta dunque sbilanciata sull’azionario, ma è salita ai massimi da inizio 2004 la percezione di una sopravvalutazione delle borse. L’indicatore di sopravvalutazione è infatti salito nell’ultimo mese da 47 a 52 punti. Sarebbe questa, secondo la tesi degli esperti della casa d’affari americana, la prima conseguenza del cambiamento dell’outlook sui tassi d’interesse, che avrebbe costretto a rivedere anche le i giudizi sulle valutazioni. Spinto da un incremento dell’inflazione, il 71% del campione si attende infatti un aumento dei tassi d’interesse a lungo termine. La percentuale si attestava al 62% a maggio. Si è assistito anche a una riduzione dell’indice che misura il cosiddetto appetito per il rischio, ossia l’interesse per le asset class più rischiose, sceso da 42 a 40 punti.


 


A livello geografico le mete preferite dei gestori sono le borse europee, seguite da mercati emergenti e Giappone. Minor favore trovano la borsa britannica e quella statunitense. Anche se da Merrill Lynch rilevano minore pessimismo per i mercati Usa, adducendo tale cambiamento a una diversa visione sul dollaro, che sulla base del sondaggio godrebbe oggi dell’outlook maggiormente positivo da quasi tre anni a questa parte.


 


L’indice delle aspettative di crescita è salito a giugno a 45 punti dai 43 precedenti, un indice che fa il paio con l’incremento delle aspettative per una crescita a doppia cifra degli utili aziendali nei prossimi 12 mesi, salite dal 25% al 35% del panel.