1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Germania: tre le motivazioni che hanno spinto al ribasso l’IFO

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“Con la Germania ancora alle prese con i risultati delle elezioni, il principale indice anticipatore del Paese, l’indice IFO, ha fatto registrare un indebolimento per il secondo mese consecutivo”. Così Carsten Brzeski di ING ha commentato la pubblicazione dell’IFO.

L’indice che misura la fiducia degli imprenditori tedeschi, nel mese di settembre si è attestato a 115,2 punti, contro i 115,7 punti di agosto (dato rivisto al ribasso dal precedente 115,9 punti) e sotto le aspettative del mercato. Gli analisti infatti avevano previsto un aumento dell’indice a 116 punti.

“Sia l’indice delle aspettative –continua l’esperto – che quello della situazione corrente hanno fatto segnare un calo”.

“Se da un lato la contrazione di settembre è il risultato di un incremento delle tensioni geopolitiche, degli attuali problemi del comparto automotive e del rafforzamento dell’euro, le prossime rilevazioni ci diranno come il settore imprenditoriale valuta il risultato delle elezioni”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACROECONOMIA

Eurozona: produzione edile in rialzo dello 0,2% a giugno

La produzione nel settore delle costruzioni all’interno dell’Eurozona ha mostrato a giugno un aumento dello 0,2% rispetto al mese prima, secondo la rilevazione dell’Eurostat. A maggio la produzione edile era …

I DATI MACRO PIU' IMPORTANTI DI OGGI

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi prevede prima dell’avvio degli scambi in Europa l’aggiornamento sui prezzi alla produzione in Germania. Nel corso della mattina verrò diffusa la produzione edile nell’Eurozona. Nel dettaglio: …

CONTI PUBBLICI

Entrate tributarie salgono dello 0,9% a giugno

Le entrate tributarie in Italia, stando ai dati Bankitalia, risultano pari a 31,9 miliardi a giugno, in aumento dello 0,9% rispetto allo stesso mese del 2017. Nei primi sei mesi …

PREZZI AL CONSUMO SOPRA TARGET BCE

Eurozona: Eurostat conferma accelerazione inflazione a +2,1%

L’inflazione annuale della zona euro a luglio sale al 2,1% dal 2% di giugno. Lo comunica Eurostat confermando quanto indicato nella stima preliminare diffusa a fine luglio. Lo scorso anno …