1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Germania: minori pressioni inflazionistiche favoriranno un “dovish tapering” (analisti)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

In Germania, l’inflazione è destinata a confermarsi sotto quota 2% fino alla fine dell’anno e anche oltre. È quanto rileva Carsten Brzeski, analista di ING, in una nota dedicata alla prima economia europea.

“Fattori strutturali –rileva Brzeski – come l’incremento della concorrenza nel comparto servizi alla luce del processo di digitalizzazione, scarse pressioni sui salari a causa del rafforzamento dell’euro e l’accoppiata globalizzazione-automazione dovrebbero mantenere, in maniera netta, il tasso di inflazione tedesco sotto quota 2% fino alla fine dell’anno e anche oltre”.

Nel mese di ottobre, l’inflazione della prima economia europea si è attestata all’1,6% annuo, in calo rispetto all’1,8% del mese precedente e sotto l’1,7% atteso dagli analisti. Su base mensile, l’indice dei prezzi al consumo è rimasto invariato (0%) contro il +0,1% stimato.

“Fino a quando il sistema economico simbolo della Zona Euro, che è anche in una fase più avanzata del ciclo economico, non inizierà a mostrare un’accelerazione delle pressioni inflazionistiche, la BCE si troverà particolarmente a proprio agio con un ‘tapering’ da ‘colomba’ “.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO ITALIA

Istat: -0,8% m/m per produzione nelle costruzioni ad agosto

L’Istat comunica che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è sceso ad agosto 0,8% rispetto al mese precedente. Su base annua, si conferma l’andamento positivo dei due mesi precedenti. Nel …

I DATI MACRO PIU' IMPORTANTI DI OGGI

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi prevede pochi appuntamenti di rilievo. Si segnala l’aggiornamento sulle vendite di case esistenti negli Stati Uniti. Nel dettaglio: 10:00 basso ITA Partite correnti 10:00 basso UE …