1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Germania: la Corte Costituzionale conferma per il 12 settembre la decisione sul fondo ESM

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Germania non rinvierà la decisione sulla legittimità del fondo ESM e i listini aumentano i guadagni. La Corte Costituzionale tedesca, attraverso un suo portavoce, ha fatto sapere che la decisione sul Fiscal Compact e sul fondo che andrà a sostituire l’attuale EFSF è fissata come previsto per il prossimo 12 settembre. Smentite quindi le indiscrezioni riportate ieri a mercati chiusi dall’edizione online di Handelsblatt.
 
Ieri sera il quotidiano tedesco aveva scritto che la decisione sarebbe potuta slittare “molto oltre il 12 settembre”, per via di un impedimento di procedura legale. Una sorpresa per gli investitori visto che la loro attenzione era già rivolta a quella data, che doveva rappresentare un ulteriore argine alla speculazione che negli ultimi mesi si è abbattuta con violenza soprattutto sui debito sovrani dei Paesi periferici della zona euro.

La notizia della conferma della decisione per il 12 settembre è stata accolta bene dai mercati, con le piazze finanziarie del Vecchio Continente che viaggiano tutte in territorio positivo spinte anche dai dati superiori alle attese del Pil tedesco e francese.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUTOMOTIVE

FCA: Dipartimento di Giustizia ha depositato una causa civile

Confermate le indiscrezioni, il Dipartimento di giustizia statunitense, per conto dell’Agenzia per la Protezione Ambientale (EPA), ha depositato una causa civile in cui accusa Fiat Chrysler di aver utilizzato un software per bypassare i controlli sul…

MACRO

Germania: bid-to-cover stabile nell’asta di Schatz a due anni

L’agenzia tedesca per la gestione del debito ha collocato 3,965 miliardi di Schatz a due anni. Il rendimento medio si è attestato al -0,65 per cento, dal -0,69 dell’asta di fine aprile, mentre il tasso di copertura si è confermato a 1,2 volte.

Grecia: Borsa Atene debole dopo mancato accordo su debito

Borsa di Atene debole dopo il mancato accordo tra i creditori internazionali sulla riduzione del debito greco, con la decisione di posticipare la decisione alla riunione di metà giugno. Sulla piazza finanziaria ellenica prevalgono le vendite: l’indic…