1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

La Germania anticipa l’Europa e separa il trading da normali attività bancarie (Il Sole 24 Ore)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Germania imposta la propria politica bancaria per dare “ispirazione” all’Europa. Lo riporta il Sole 24 Ore di oggi: ieri il governo tedesco ha infatti annunciato un disegno di legge che propone la separazione dalla normale attività delle banche delle attività più “rischiose”come il trading per conto proprio, quello high-frequency e i prestiti agli hedge fund quando queste attività muovano volumi superiori ai 100 miliardi di euro o, in generale, al 20% dell’attivo totale. La separazione, che riguarderà solo banche con un attivo superiore ai 90 miliardi di euro, dovrebbe avere luogo a partire dal 2014 ed entro la metà del 2015. Se la legge passasse,  avrebbe effetto prevalentemente su grandi istituti come Deutsche Bank, Commerzbank e Landesbank Baden-Wurttenberg, gli unici, peraltro, su cui il team di esperti europei si proponeva di intervenire tra gli istituti di credito tedeschi. L’obbiettivo del governo è far passare la legge entro giugno, per anticipare le mosse dell’Europa su tali istituti, tenendo conto che la discussione sulla regolamentazione bancaria a livello europeo inizierà non prima di settembre.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUMENTO DI CAPITALE

Carraro: offerta in opzione, sottoscritto il 99,684%

A conclusione dell’offerta in opzione nell’ambito dell’aumento di capitale, Carraro ha annunciato che sono stati esercitati 43.225.974 diritti per la sottoscrizione di 33.620.202 azioni, pari al 99,684% del totale.

Il controvalore complessivo è d…

BANCHE ITALIA

Veneto Banca: Cda chiede intervento Atlante per ricapitalizzazione

Oggi il Cda di Veneto Banca “ha riaffermato – si legge in una nota diffusa dall’istituto – la propria piena fiducia nella prospettiva dell’aggregazione con Banca Popolare di Vicenza come condizione per il rilancio delle due banche, importante per lo …

MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.