1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Geox in territorio negativo, gli analisti consigliano reduce

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Geox si muove in territorio negativo. Il titolo della società di Montebelluna lascia sul campo l’1,11%, scambiando a quota 5,27 euro. L’azione è stata collocata due giorni fa ad un prezzo pari a 4,60 euro. Ebbene secondo gli analisti interpellati da Spystocks “Geox era cara in fase di sottoscrizione e rimane cara in questi giorni”. Un’esperta di una prestigiosa casa d’affari sostiene che “il gruppo è in fase di sviluppo e quindi ha deciso di accollare al mercato il rischio di crescita nei prossimi anni. A 5,5 euro la società incorpora circa 12 volte l’Ebitda 2005, come dire che il titolo incorpora già le aspettative di successo nei mercati in cui Geox è in fase di espansione”. Le fa eco un analista di una banca milanese che preferisce mantenere l’anonimato. “L’upside sul titolo è molto limitato. Il primo semestre 2005 sarà molto buono per Geox. La società ha anticipato che gli ordini sono in crescita del 40%. Quindi il banco di prova sarà dal terzo trimestre in poi”, dice l’esperto. “Certo non è sostenibile pensare che la crescita sarà sempre così forte. Il mercato delle calzature in Italia è maturo. Geox vanta oggi una quota di mercato pari al 15-16%. Ma già a partire dal 2006 la situazione potrebbe rallentare e attestarsi a una market share al 9-10%”. Dall’altro canto “una società può dire di dettar legge se ha power in price. Non è il caso di Geox. Il brand è noto in Italia, ma non forte. Sul mercato delle calzature non ci sono grosse barriere all’ingresso. Basta che un nuovo marchio decida di spendere in pubblicità e offra un prodotto accattivante a un prezzo basso per affermarsi sul mercato. Geox è un investimento che ha dei rischi. Certo oggi la società ha azzeccato il timing per andare in Borsa”, aggiunge l’esperto, che a Geox ha assegnato il rating reduce(ridurre il titolo in portafoglio). Mario Moretti Polegato si è lamentato della penuria di investitori italiani che hanno aderito all’offerta. “Forse gli investitori italiani invece hanno capito la tecnologia della società e il prodotto meglio degli investitori esteri. Un prodotto che oggi non può dirsi immune dalla concorrenza”, osserva l’esperto.