Generali: utile netto a 1,58 miliardi nei nove mesi. Minali, pronti a pagare dividendi più alti

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 06/11/2014 - 09:26

Generali ha chiuso i primi nove mesi del 2014 con un utile netto pari a 1,58 miliardi di euro, stabile rispetto agli 1,59 miliardi dello stesso periodo dell'anno scorso. Sul risultato, spiega una nota del gruppo triestino, hanno influito alcuni effetti one-off registrati nel primo semestre, in particolare relativi alla dismissione di Bsi che ha generato un impatto negativo di 113 milioni, rispetto agli utili generati dalle dismissioni dello scorso anno. L'utile post imposte riferito alle attività correnti mostra invece un incremento del 7,5%, grazie alla crescita del risultato operativo che è cresciuto del 12,8% a 3,7 miliardi di euro. I premi sono cresciuti del 6,4% a 51,3 miliardi.

Il risultato non operativo è ammontato a -912 milioni da -895 milioni di dodici mesi fa. L'andamento è stato determinato dalle svalutazioni sugli investimenti, registrate in particolare nei primi sei mesi dell'anno, parzialmente compensate da maggiori profitti di realizzo. Nei primi nove mesi l'attività di rafforzamento della solidità patrimoniale ha portato il Solvency I ratio a 160% (+19 pp da fine anno), comprensivo degli effetti della prossima acquisizione del restante 24% di Generali PPF Holding, che ha influito sull'indice per 7 punti percentuali. L'eccedenza è quindi pari a 11 miliardi. L'indice - su base pro forma - si attesta a 169% tenuto conto anche della vendita di Bsi.

Il Group Cfo di Generali, Alberto Minali, ha commentato: "Gli ottimi risultati dei primi nove mesi dell'anno mostrano come la performance operativa e la solidità patrimoniale del Gruppo continuino a migliorare nonostante lo scenario di mercato avverso. Questi risultati riflettono le strategie messe in atto per orientare la nostra offerta verso prodotti a maggior valore aggiunto e la nostra rinnovata attenzione al cliente. Il Gruppo lavora con impegno per realizzare il piano strategico e si aspetta, a fine 2014, un risultato operativo migliore rispetto a quello dell'anno precedente".

Lo stesso Minali in conference call ha inoltre annunciato che il gruppo Generali è pronto a distribuire agli azionisti dividendi in crescita. "Con questa situazione di capitale siamo nella posizione di rimuovere il vincolo che ci eravamo posti del 40% di 'payout ratio' e ci attendiamo di poter pagare una cedola più alta ai nostri azionisti. Era questo l'obiettivo del nostro management team", ha spiegato il manager.

Annunciato riacquisto tre serie titoli ibridi
Il Gruppo Generali ha annunciato un'offerta di riacquisto su tre serie di titoli ibridi in circolazione, con prima data di call nel 2016 e 2017, emessi da Generali Finance e garantiti da Assicurazioni Generali. L'operazione, spiega una nota, rientra nella gestione attiva di Generali di rifinanziare in modo efficiente il proprio debito con prima data di rimborso nel periodo giugno 2016 - febbraio 2017. L'obiettivo è quello di ridurre il costo per interessi nel corso dei prossimi anni e ottimizzare la struttura del patrimonio di vigilanza. L'offerta, che si attende fornirà liquidità agli attuali investitori dei titoli, terminerà alle ore 17 del 13 novembre. Per finanziare l'offerta il Gruppo Generali ha inoltre intenzione di emettere tramite Generali Finance titoli perpetui a tasso fisso/variabile denominati in euro garantiti da Assicurazioni Generali.

Reazione sotto tono di Generali a Piazza Affari. Il titolo del Leone di Trieste sul Ftse Mib al momento cede lo 0,26% a 16,37 euro.

COMMENTA LA NOTIZIA