Generali: le ultime novità del Leone sotto la lente di Cheuvreux

Inviato da Micaela Osella il Mar, 05/12/2006 - 09:46
Il tormentone Generali impazza a Piazza Affari in questo scorcio d'anno. Anche gli analisti di Cheuvreux dicono di apprezzare questa storia, divenuta di colpo ad alta gradazione speculativa. Ieri oltre alle ormai "solite" voci di mercato è arrivato il verdetto dell'Antitrust, che ha dato un via libera condizionato all'acquisto di Toro da parte di Generali. Per attenuare l'impatto anticoncorrenziale derivante dall'operazione il Leone di Trieste dovrà alienare entro 12 mesi la Nuova-Tirrena, controllata da Toro, rinunciando pertanto a un portafoglio di 800 milioni di euro, pari a circa il 25-30% del totale del gruppo acquisito. Generali dovrà quindi cedere l'asset a un soggetto indipendente sia da Generali stessa che da Mediobanca. Ma non solo per rendere più saporita questa storia si è appreso che De Agostini è stato molto attiva sul titolo del Leone in Borsa, arrivando ad acquistare un pacchetto del 2 per cento. Ricapitolando dal momento che Generali ha acquistato il 65% di Toro da De Agostini la scorsa estate, secondo gli analisti di Cheuvreux la notizia di ieri non è molto positiva dal momento che l'acquisizione di Toro è avvenuta a prezzi non certo a buon mercato e adesso Generali potrebbe essere costretta a vendere un asset importante, probabilmente a sconto. Dal punto di vista della valutazione nessuno scossone comunque. Gli esperti della casa d'affari francese hanno confermato la raccomandazione outperform indicando un target price a 35 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA