1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Italia ›› 

Generali: dimezzati utile e dividendo 2011. Perissinotto ottimista sul 2012

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Risultati poco entusiasmanti quelli evidenziati da Generali nel corso dell’esercizio 2011. Il Gruppo ha registrato un utile netto pari a 856 milioni, dato che si raffronta agli 1,7 miliardi ottenuti nell’esercizio 2010.  Sul risultato, ha precisato la società, hanno influito svalutazioni straordinarie nette per 1,017 miliardi riferibili in particolare ai titoli governativi greci e a Telco.

Bene il comparto danni, flette il vita
Il risultato operativo consolidato si è attestato a quota 3,9 miliardi di euro, dato sostanzialmente in linea con i 4,1 mld dell’esercizio precedente. Forte crescita del risultato nel settore danni (+38,3%). In flessione invece il risultato del comparto vita (-16%), un dato che “riflette l’andamento del margine finanziario”. L’indicatore solvency 1 a fine 2011 si è attestato al 117%. L’indice è comunque risalito al 132% al primo marzo 2012, sostanzialmente per effetto del restringimento degli spread sui titoli governativi italiani.

Più che dimezzato il dividendo agli azionisti
Alla prossima assemblea degli azionisti verrà proposto un dividendo unitario per l’esercizio 2011 pari a 0,20 euro per azione, dato che si raffronta ai 45 centesimi erogati nel 2010. Il dividendo complessivo relativo alle azioni in circolazione è pari a 310,6 milioni di euro, con un pay-out del 36,4%. Il dividendo sarà in pagamento dal 24 maggio con stacco cedola a partire dal prossimo 21 maggio 2012.

Perissinotto prevede utile in forte crescita nel 2012
Il Group CEO di Generali, Giovanni Perissinotto, ha sottolineato come nel corso di un anno segnato dalla crisi del debito sovrano “abbiamo confermato la nostra capacità di realizzare solidi risultati industriali, continuando inoltre a rappresentare un punto di riferimento per i risparmiatori. Il nostro risultato 2011 ha risentito dell’impatto di svalutazioni straordinarie, riguardanti in particolare i titoli governativi greci e la partecipazione in Telco, che non si ripeteranno nel 2012. Prevediamo, quindi, per l’esercizio in corso un utile in forte crescita”.