1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Lavoro ›› 

Gender Pay Gap, in Italia meno donne che uomini ai posti di comando e con salari più leggeri

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il gender pay gap, ovvero le differenze tra i salari maschili e femminili, è statisticamente poco significativo a parità di posizioni di responsabilità. Questo è il dato emerso nel corso del convegno Gender pay gap: dati reali e luoghi comuni, organizzato dall’Osservatorio sul Diversity Management della SDA Bocconi School of management, in collaborazione con Hay Group.
La ricerca presentata nel corso del convegno ha evidenziato che, se si considerano posizioni di uguale complessità, il divario di genere in Italia è pari al 5%, cioè una percentuale poco rilevante. Lo studio è stato condotto su un campione di 222 aziende del settore privato (147 italiane e 74 subsidiary di multinazionali estere) per un totale di oltre 8 mila dirigenti.
Facendo la media dei salari di uomini e donne del campione, spiegano i ricercatori, il fenomeno GPG è del 12,5%, ma il vero problema non è tanto il ‘paygap’ quanto piuttosto il ‘soffitto di vetro’, cioè la difficoltà da parte delle donne ad accedere a ruoli di alta responsabilità, ovvero quelli più retribuiti. Inoltre le donne sono in genere maggiormente impiegate in funzioni aziendali ripagate con un salario più basso, e, con l’aumentare del grado di complessità della posizione in azienda, la busta paga maschile cresce più velocemente del 2,7% in più rispetto a quella femminile.
A questo proposito, la ricerca ha evidenziato due forme di ‘segregazione’. Una, di tipo verticale, vede il numero delle donne diminuire al crescere della complessità del ruolo/posizione. L’altra, di tipo orizzontale, determina una distribuzione omogenea di uomini in ogni settore di business, mentre quella delle donne spicca solo in alcuni settori, ovvero: non alimentare (21,5%), farmaceutico (21%) e servizi (18%). All’interno delle aziende, poi, la presenza femminile è più concentrata nelle funzioni di: marketing (26,3%), risorse umane (23,7%) e amministrazione (19,6%). Infine, se si considerano gli aggregati di famiglie professionali, le donne sono più presenti nelle funzioni di staff (19,3%) rispetto a quelle di linea (8,7%).