1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Gemina in evidenza dopo riacquisti patto, piano Save sfumato?

QUOTAZIONI Save
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Seduta decisamente positiva per il titolo Gemina, che sale al momento del 3,74% a 2,02 euro. Oggi la società ha aggiornato la situazione del patto di sindacato dopo la cessione dele quote di Edison, Italcementi e Pirelli & C. Le azioni sono state acquisite dagli altri soci del patto, e precisamente da Infrastrutture e sviluppo (ex Miotir), Generali, Fondiaria-Sai e Fassina partecipazioni, che hanno quindi rafforzato la loro presenza all’interno del patto. L’attenzione ora si sposta sulle prossime mosse di Save, titolare del 12,4% circa (anche attraverso Fin.int) dei titoli Gemina, e rimasta fuori dal patto nonostante fosse intenzionata ad entrare nella compagine che governa la società. Ad oltre un mese dalla presentazione a Gemina del piano industriale che avrebbe dovuto integrare gli aeroporti di Venezia-Treviso con quelli di Roma, la società presieduta da Enrico Marchi non avrebbe avuto nessuna risposta. Segnale inequivocabile che il progetto non andrà avanti. Per Save ora la questione portante è la destinazione del pacchetto della finanziaria di via Turati, detenuta ad un prezzo di carico di 2,1 euro e quindi su valori ancora superiori a quelli di mercato. Infrastrutture e sviluppo, che nell’ultimissimo riassetto è rimasta sotto il 20% (ora ha il 18,46% delle quote 18,18% vincolate al patto), è decisa a salire ancora nel capitale, e probabilmente negozierà l’uscita di Save riacquistando almeno parte delle quote venete. Una eventualità che non farebbe salire la ex Miotir sopra il 30% del capitale, togliendo ogni dubbio circà la necessità di dover lanciare un’opa obbligatoria.