1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Gemina, al centro dell’attenzione la nuova bozza di patto

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Al via il collaudo della nuova bozza di patto di Gemina. Il diritto di
recesso dal patto parasociale è stato spostato dal 30 giugno al 30 settembre prosssimo. Due nodi ancora da sciogliere: se da un lato non ci sarebbero più riserve sulla possibile abolizione del voto capitario, dall’altro più complessa risulta essere l’ipotesi di elevare il quorum sulle decisioni strategiche rispetto all’attuale 75% richiesto. Dopo il direttivo tenutosi martedì 27 giugno, tre giorni fa presso la sede di Gemina ci sarebbe stata una riunione informale tra i soci del patto nella quale si sarebbe discussa la nuova bozza predisposta dallo studio d’Urso Munari Gatti. Assente il presidente Romiti. L’attenzione si sarebbe concentrata sulla situazione creatasi a seguito del disimpegno di Lucchini che ha svincolato il suo 1,781% – la quota sindacata è scesa così al 41,7% – decretando di fatto il predominio di Infrastrutture e sviluppo e di Mediobanca che hanno elevato la loro influenza dal 72,63% a oltre il 75% delle azioni vincolate. Sembrerebbe quasi emeregere che la Finanziaria di Romiti, Clessidra, Benetton e Capitalia assieme a Piazzetta Cuccia oltre ad esercitare un potere di veto dispongono ora anche di un potere di agire.