1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Galassia Ligresti in ribasso in Borsa, per gli analisti giochi aperti dopo ingresso Groupama -1-

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo un avvio in altalena Premafin e Fondiaria Sai imboccano la strada del ribasso a Piazza Affari. In questo momento la compagnia assicurativa cede il 3,98% a 8,1950 euro, Premafin il 2,88% a 1,040 euro, segue Milano Assicurazioni con un -1,55% a 1,529 euro. Secondo gli operatori, che stanno cercando di capire come si evolverà la mossa di Salvatore Ligresti di aprire le porte del suo gruppo a Groupama, si tratta di prese di beneficio dopo il rally che venerdì ha interessato i due titoli. Venerdì scorso Premafin, la holding della famiglia Ligresti che controlla Fondiaria-Sai, ha raggiunto un accordo con il sesto gruppo assicurativo transalpino, per un aumento di capitale da 225 milioni di euro al termine del quale i francesi avranno in mano una quota del 17%.

Sul mercato però si è già cominciato a ragionare su quali siano le reali intenzioni della presa del gigante delle polizze transalpino sulle preziose controllate assicurative dell’ingegnere: si è fatta largo la convinzione che i francesi possano avere interessi ben più forti post aumento di capitale. Dal quartier generale parigino è stato definito un investimento “finanziario”, ma in realtà ha tutta la parvenza di essere una tappa importante, se non di svolta, del percorso italiano di Groupama. E poco importa se gli aderenti al patto di sindacato di Premafin si sono impegnati per un periodo di due anni a far data dall’esecuzione dell’operazione a non cedere le loro partecipazioni e, insieme a Premafin, a non cedere il controllo diretto e indiretto di Fondiaria e di Milano Assicurazioni. Successivamente, qualora si intenda dar luogo a tali cessioni, Groupama dovrà essere previamente consultata e che fin da subito avrà però diritto a nominare un membro del cda di Premafin

Inoltre l’intesa, subordinata all’esenzione dell’obbligo di Opa da parte della Consob, potrebbe avere impatti sugli assetti di controllo di Piazzetta Cuccia a causa dei profili Antitrust che presenta: i Ligresti e Groupama sono, infatti, soci importanti di Mediobanca, azionista di riferimento di Generali e concorrente di Fonsai. Se tutto filerà liscio, ci sarà un consiglio Premafin per varare l’aumento (indicativamente a novembre) con un’operazione che si concluderà in primavera.