G-20 storico: 1100 miliardi a sostegno dell’economia

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ha vinto la linea della cooperazione. Il primo summit dei G-20 si è chiuso con una serie di accordi storici. Su tutti la concessione di 1100 miliardi di dollari, di cui 750 gestiti dal Fondo monetario internazionale, per i Paesi in difficoltà e la definizione di un impegno alla lotta al segreto bancario. Dal vertice è uscita una lista nera di paradisi fiscali e una di Stati poco trasparenti, un elenco di 40 nazioni che ancora non danno sufficienti garanzie alla lotta contro l’evasione, tra i quali l’Austria, il Belgio e la Svizzera.


Il summit ha fatto il punto anche sui super-stipendi del mondo della finanza. Il Financial Stability Forum presieduto da Mario Draghi, che diventerà Financial Stability Board, avrà poteri più ampi e potrà fissare principi base per la remunerazione dei manager. Entro l’anno verranno inoltre definite le regole contro i conflitti d’interesse delle agenzie di rating, verranno proposti criteri di valutazione armonizzati per i requisiti patrimoniali delle banche e la vigilanza sarà estesa anche agli hedge fund.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…