1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Fugnoli: rally di fine anno è occasione per alleggerirsi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Anche questa settimana lo strategist Alessandro Fugnoli di Abaxbank, nel suo settimanale di strategia, “Il Rosso e il Nero”, utilizza un’immagine metaforica. E paragona lo strategist (dunque, sé stesso) che debba fare previsioni sui mercati finanziari in questo periodo agli acrobati che, nel circo di Natale, si lancino nel vuoto senza rete con sottobraccio le previsioni sull’anno che sta per iniziare. E quest’anno, a causa dell’incertezza imperante, come mette in evidenza Fugnoli, la dispersione delle opinioni è ancora maggiore del solito. “Al di là della dispersione – sottolinea lo strategist di Abaxbank – colpisce l’elemento che accomuna positivi, negativi e laterali, ovvero l’idea che gli utili o scenderanno, o saranno stabili o saliranno di pochissimo”. Poi Fugnoli costruisce, attraverso una serie successiva di ipotesi, uno scenario che vede un’economia in marcato rallentamento, nuove “mazzate” in termini di svalutazioni da crisi subprime anche a inizio 2008, ma, dal fronte delle buone nuove, tassi di interesse in discesa (“anche in Europa, se dovesse occorrere”) e una modesta riaccelerazione della crescita nel primo e secondo trimestre dell’anno nuovo. Per completare il quadro, Fugnoli aggiunge che alcune variabili esogene tradizionali (ad esempio il petrolio) possano apparire meno minacciose di qualche settimana fa. Ebbene, conclude lo strategist, “Tirando le somme, uno scenario così costruito non porta a pensare a un ‘bear market’ degno di questo nome, ma nemmeno spinge a comperare borse e crediti senza tema e senza indugio. Induce piuttosto a un comportamento attendista e opportunista, a compricchiare su ribasso e a vendicchiare su rialzo”. “In questo sommesso orizzonte attendista-opportunista – prosegue Fugnoli – il miracolo del rally di fine anno (che si ripeterà anche quest’anno con qualche giorno di bonus in gennaio) si presenta come un’occasione di alleggerimento. Gli utili che ci verranno comunicati da metà gennaio sono ‘in mente Dei’ (e quelli delle banche sono cucinati in questi giorni da grandi squadre di cuochi) e sarà prudente presentarsi alla scadenza con una dose di liquidità, eventualmente per approfittare delle occasioni”.