1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Fugnoli (Kairos): linguaggi di Fed e Bce convergono su un euro forte

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Bernanke per la prima volta parla di QE3, mentre la Bce è sempre più preoccupata dell’inflazione. Un mix che inevitabilmente porta a un apprezzamento dell’euro. “Due settimane fa ci si attardava a discutere su una possibile sospensione anticipata del QE2 (peraltro mai accreditata dalla Fed) e oggi siamo già all’anticamera del QE3”, commenta Alessandro Fugnoli di Kairos nel suo abstract settimanale che arriva all’indomani delle parole a sorpresa di Bernanke su un possibile nuovo round di quantitative easing. “Non potendo più svalutare contro gli emergenti (Cina e tigri a parte) il dollaro cerca di indebolirsi nei confronti dell’Europa – rimarca Fugnoli -, l’apertura verso il QE3 da parte americana e la retorica europea sull’inflazione convergono su un euro forte.
In generale Fugnoli prevede che le Borse rimarranno in range fino a quando i rischi geopolitici e la forte crescita continueranno a bilanciarsi. “Sapere che cosa prevarrà è impossibile – conclude lo strategist di Kairos – ma rimanere strategicamente sovrapesati in azioni continua ad avere senso per una semplice ragione. La determinazione dei governi a sostenere la crescita è una certezza. I danni gravi derivanti dagli sconquassi geopolitici di portata sistemica sono solo una possibilità. L’asimmetria è evidente”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RECUPERO DEL POUND

Forex: deboli dati non deprimono la sterlina

Recupero per la sterlina sul forex con cross gbp/usd tornato sopra quota 1,42 dopo la debolezza della vigilia a seguito dell’inflazione più debole del previsto a marzo (+2,5% annuo, sui …

INFLAZIONE UK AI MINIMI A UN ANNO

Forex: sterlina affonda dopo debole inflazione UK

La battuta d’arresto per l’inflazione britannica si fa sentire sulla sterlina che si muove in forte ribasso contro le altre principali valute. Il cross tra sterlina e dollaro è sceso …