1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Ftse Mib, possibile testa-spalle in costruzione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’avvio di settimana è di colore rosso per l’indice Ftse Mib che, a metà sessione, perde circa il 2,5 per cento. Nonostante il positivo risultato dell’asta dei BoT a un anno (7 miliardi di titoli collocati con un rendimento del 5,95% in calo dal 6,08% di novembre) rimane elevata l’incertezza sui mercati. Il quadro grafico dell’indice guida di Piazza Affari potrebbe tuttavia riservare qualche sorpresa positiva. Il ribasso odierno, seppure deciso, non compromette il recupero delle quotazioni di venerdì scorso e soprattutto non dà nuovi segnali negativi. Per averne uno il mercato dovrà aspettare un ritorno delle quotazioni sotto la trendline ribassista ottenibile unendo i massimi del 28 ottobre e del 14 novembre. Questa trendline è stata rotta al rialzo a inizio mese ed è in transito nei pressi di 14.570 punti. Un campanello di allarme scatterebbe comunque già con la violazione di minimi di venerdì a 14.854. Fino ad allora rimane attiva l’opzione rialzista prospettata dalla configurazione testa-spalle in costruzione da novembre. La rottura al rialzo della neckline transitante a 16.140 punti circa, livello che ha respinto con decisione l’indice il 14 novembre e il 7 dicembre, confermata successivamente dal recupero della trendline risalente dai minimi del 23 settembre rotta al ribasso il 17 novembre, proietterebbe l’indice a 16.39 nell’immediato e successivamente verso 17.000 e 18.400 punti, target finale del completamento della figura.