1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Frenata in corso per l’economia canadese (Fondionline.it) -2

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La produttività è un altro dei problemi che condizionano le performance dell’economia canadese. Nel 2006 si è verificato un aumento del numero degli occupati e una riduzione della produzione. Nei settori produttivi dal calo della produttività -in special modo nelle industrie estrattive localizzate nell’Ovest del paese- le imprese devono fare i conti con la carenza di manodopera specializzata. Tuttavia, la formazione di capitale fisso è cresciuta ad un tasso del 7% negli ultimi tre anni, un dato che potrebbe tradursi in un miglioramento della capacità produttiva nel breve termine.
In tale contesto, il consumo interno ha preso il testimone come motore dell’economia. La spesa dei consumatori ha capeggiato la classifica delle variabili che hanno contribuito alla crescita del Pil durante il 2006 (cresciuta del 4,1%, quasi il doppio rispetto alla produzione e al tasso più elevato dal 1997). Tuttavia, il periodo positivo vissuto da questi indicatori non sembra essere destinato a durare molto. Le previsioni formulate dall”OECD indicano che nel 2007 la domanda domestica crescerà solo del 3,4%.
A favore dell’economia canadese gioca invece la ripresa dell’occupazione. Il sistema paese ha generato 89.000 posti di lavoro nel mese di gennaio ( a dicembre erano stati 62.000). La crescita ha superato le aspettative (le stime ipotizzavano un incremento di 13.000 nuovi posti). Il tasso di disoccupazione è cresciuto di un decimo fino a toccare il 6,2% a causa del maggior numero di persone che cercano lavoro. In ogni caso, le previsioni per l’anno in corso indicano che l’economia canadese dovrebbe crescere del 2,7%, trascinata dalla ripresa delle esportazioni e al consolidamento della domanda interna. Ovviamente ipotizzando che il contesto internazionale e il settore natural resources continuino a mostrare tassi di crescita elevati. A cura di www.fondionline.it