1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Frenano nel finale i listini del vecchio continente

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gli indici europei terminano gli scambi in prossimità dei minimi di seduta sulla scia dell’andamento negativo delle borse Usa. Nonostante il nuovo rialzo del Brent a 59,2 dollari al barile (+1,9%) il settore petrolifero non è riuscito a beneficiarne e segue la tendenza generale. Nel complesso la volatilità è rimasta contenuta risentendo dell’assenza di dati economici e aziendali di rilievo.
A Parigi sugli scudi Peugeot (+2,5%) e Essilor (+1%) che rimbalza dopo le flessioni dei giorni scorsi. Fanalino di coda Vallourec che lascia sul terreno oltre il 2,60%. L’indice Cac 40 ha chiuso gli scambi sui livelli della seduta precedente.
Sul listino di Francoforte spicca il balzo di Fresenius (+6%) ed Eon (+1,6%) dopo la promozione da parte degli analisti di alcune banche d’affari. Deboli invece Siemens (-1,65%), Infineon (-1,5%) e Deutsche Borse (-1,3%). L’indice Dax chiude sostanzialmente invariato.
A Londra l’indice Ftse 100 mette a segno un progresso dello 0,4%. In evidenza Bae System (+2,9%) e Cable & Wireless (+2%). Cedono invece Carnival (-3,1%) e BP (-1,2%).