Francia: Sapin dimezza stima Pil 2014 a un +0,5%. Appello all’Europa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il ministro delle Finanze francese, Michel Sapin, riconosce che l’obiettivo di una crescita dell’1% quest’anno per la Francia sarà irraggiungibile e rivede al ribasso le stime su cui si basa anche il piano di budget del Paese. In un articolo pubblicato oggi su Le Monde, il ministro afferma che il Pil francese crescerà dello 0,5% quest’anno, mentre per il 2015 si dovrebbe vedere una espansione dell’1%. Questo elemento, insieme a una inflazione più bassa del previsto, porteranno a un deficit pubblico superiore al 4% del Pil nel 2014 (contro una previsione precedente di rapporto deficit/Pil al 3,8%), secondo Sapin. “Questa situazione di crescita troppo fragile – dice il ministro – di inflazione troppo debole e di riduzione dei deficit troppo lenta trova la sua origine in cause propriamente francesi, ma anche in situazioni alle quali solo una reazione europea globale può dare risposta”. Con queste parole Sapin lancia un appello alla Bce a mettere in atto una politica monetaria adatta alla situazione attuale.