Francia: Manuel Valls ci riprova, oggi presenterà il nuovo governo. Cosa cambierà?

Inviato da Valeria Panigada il Mar, 26/08/2014 - 10:26
La Francia si prepara a un nuovo governo. Oggi il premier francese Manuel Valls presenterà la nuova squadra, dopo che ieri ha ricevuto l'incarico dal presidente Francois Hollande. Il nuovo esecutivo, come espresso dallo stesso Hollande, dovrà essere in coerenza con gli orientamenti da lui definiti. Sebbene non si attendono grossi cambiamenti nel piano di riforme già avviato in Francia, la vicenda dimostra come la voce dei dissidenti contro le politiche di austerità stia crescendo.

Come sarà il nuovo governo della Francia
"Ci aspettiamo che almeno tre ministri vengano sostituiti oggi: Montebourg (economia), Hamon (istruzione) e Filippetti (cultura)", dichiara Julien Manceaux, analista di Ing, senza precisare chi potrebbero essere i candidati. Tuttavia, una cosa sembra certa per l'esperto: "E' un chiaro segnale che Francois Hollande vuole che l'attuale linea politica si mantenga - sostiene Manceaux - una promessa già fatta quando ha sostituito il premier Ayrault con Valls in aprile dopo i disastrosi risultati elettorali locali. Ci aspettiamo dunque che venga formata una squadra di governo che acceleri il percorso delle riforme già in corso". Il nuovo esecutivo dovrà dimostrare che, nonostante tutto, i dissidenti non riusciranno a cambiare il progetto di Hollande e che ciò che è stato annunciato sul piano delle riforme per regolare il deficit di bilancio resterà valido. Sperando che porti i suoi frutti, perché appare evidente che accelerare ancora di più sulla strada dell'austerità sia diventato ormai un tabù in Francia. 

Il problema però è che quanto annunciato finora potrebbe non essere comunque sufficiente per riequilibrare i conti della Francia, a causa di una crescita più debole del previsto. "Anche se il deficit conserverà una traiettoria ribassista - ha dichiarato l'agenzia statunitense - il Paese non appare in grado di raggiungere i suoi obiettivi di budget per il 2014 e il 2015". Solo settimana scorsa Moody's ha abbassato per la seconda volta in un mese le previsioni di crescita della Francia a un +0,5% quest'anno e a un +0,9% l'anno prossimo (contro rispettivamente un +0,6% e un +1,3%). 

Cosa è successo ieri
Ieri il premier transalpino Valls ha presentato le dimissioni a Hollande, il quale però gli ha affidato l'incarico di formare un nuovo esecutivo. La decisione di Valls è arrivata dopo le critiche che sono state mosse all'esecutivo da parte del ministro dell'Economia, Arnaud Montebourg, che ha puntato il dito contro le politiche economiche portate avanti fino a questo momento.
COMMENTA LA NOTIZIA