Francia: la Finanziaria 2008 non piace a Bruxelles, dubbi sul deficit

Inviato da Redazione il Ven, 28/09/2007 - 08:57
La Francia continua spedita con le sue politiche nazionali e la Commissione europea storce il naso. Soprattutto per l'ultima manovra, quella della Finanziaria 2008, che rimanda gli interventi sul deficit e la stretta sui conti pubblici. La Francia ha infatti slittato l'impegno di azzerare il deficit pubblico dal 2010 al 2012, focalizazandosi invece sulla crescita e le riforme strutturate. In quest'ultima Finanziaria, non sono previsti i contenimenti della spesa attesi da Bruxelles, i tagli pensionistici sono stati rimandati e le stime di crescita sembrano essere troppo elevate. Lo stesso primo ministro, Francois Fillon, ha ammesso che la Francia è a rischio di bancarotta. La Commissione di Bruxelles guarda con preoccupazione e disapprovazione alla politica parigina, ma per il momento non ha replicato.
COMMENTA LA NOTIZIA