1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: yen risale dopo nulla fatto BoJ, attesa per le payrolls Us

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo il nulla di fatto di ieri da parte di Bce e BoE, oggi è stato il turno della Bank of Japan. La banca centrale giapponese ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse nel range 0-0,1%, mentre l’acquisto di asset non registra altri incrementi restando a quota 55 mila miliardi di yen dopo l’incremento di 10 mila miliardi di yen disposto lo scorso mese. La reazione del mercato non si è fatta attendere con acquisti sullo yen (cross $/Y sceso fino a 78,27) anche se gli analisti erano concordi nell’attendersi un nulla di fatto sul piano di QE da parte della BoJ. “Tutto come previsto – rimarcano gli analisti di Societe Generale – tuttavia il rimpasto di governo in Giappone all’inizio di questa settimana aveva fatto crescere il pressing da parte del governo per un’azione più forte di allentamento monetario”.
Alla riunione di oggi della BoJ ha partecipato anche il nuovo ministro dell’Economia giapponese, Seiji Maehara (non succedeva da 9 anni che un ministro partecipasse alla riunione della BoJ) con l’intento di esprimere la sua preoccupazione per l’apprezzamento dello yen e la prolungata deflazione. Maehara è favorevole all’acquisto di obbligazioni estere da parte della BoJ, ma ieri ha puntualizzato che gli acquisti andrebbero visti come uno strumento per fornire fondi al sistema finanziario, non un mezzo per manipolare l’andamento delle valute. Il ministro ha inoltre rimarcato la completa indipendenza della BoJ in campo di politica monetaria.

Sul fronte macro oggi l’attenzione del mercato è tutta rivolta sui dati Usa relativi al mercato del lavoro Usa, che verranno diffusi nel primo pomeriggio. Le attese sono per un lieve aumento del tasso di disoccupazione all’8,2%, dal precedente 8,1%, e un aumento degli occupati nel settore non agricolo di 113 mila a settembre dalle +96mila del mese precedente.

Commenti dei Lettori
News Correlate
ASTA BOND

Italia: Tesoro, mercoledì in asta Bot per 6,75 miliardi

Nell’asta in calendario il prossimo 28 giugno saranno collocati Buoni ordinari del tesoro con scadenza semestrale per 6,75 miliardi. Il 30 giugno scadranno Bot a sei mesi per 6,5 miliardi.

MERCATI

Segno meno per i listini europei

Chiusura all’insegna della prudenza per le borse europee, alle prese con la debolezza del comparto energetico e con indicazioni macro contrastanti arrivate dalla Germania. Il Ftse100 ha terminato l’ultima seduta della settimana con un calo dello 0,2%…

Strategie di investimento

I gestori preferiscono l’azionario europeo a Wall Street. Il report di Bank of America

Dopo il nulla di fatto di ieri da parte di Bce e BoE, oggi è stato il turno della Bank of Japan. La banca centrale giapponese ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse nel range 0-0,1%, mentre l’acquisto di asset non registra altri incrementi restando a quota 55 mila miliardi di yen dopo […]

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Italia: ancora indietro sui tempi di pagamento della Pa

L’Italia continua a portare la maglia nera nella classifica dei tempi effettivi di pagamento da parte della Pubblica amministrazione (Pa). Secondo l’ultimo rapporto di Intrum Iustitia, le imprese italiane pagano a 52 giorni contro 37 della media euro…