Forex: yen e dollaro australiano fanno la voce grossa

Inviato da Titta Ferraro il Mar, 06/04/2010 - 10:26
Forti scostamenti sul mercato dei cambi con yen e dollaro australiano che guadagnano terreno rispetto alle altre principali valute, mentre l'euro e la sterlina si muovono al ribasso. Alle 10.25 il cross dollaro/yen è in calo dello 0,39% a 93,90 yen, -0,81% invece il cross euro/yen a 125,94 yen. Sui mercati si specula di acquisti della moneta nipponica da parte degli esportatori dopo che lo yen aveva toccato i minimi a 7 mesi rispetto al dollaro a seguito dei dati sul mercato del lavoro statunitense. Venerdì, quando le Borse erano chiuse per le festività pasquali, forti segnali sono arrivati dal mercato del lavoro d'oltreoceano con 162.000 posti di lavoro creati a marzo, la migliore performance degli ultimi tre anni. Numeri importanti anche se lievemente sotto le attese del mercato e che racchiudono al loro interno delle componenti straordinarie come i 48.000 addetti a tempo parziale reclutati dall'amministrazione Usa per effettuare un censimento. Risultanze che sono state accolte con favore da Wall Street che alla ripresa delle contrattazioni dopo il Good Friday ha aggiornato i massimi a un anno e mezzo con dollaro che si è rafforzato rispetto alle altre valute.

Intanto oggi a sorpresa la Banca centrale australiana ha decretato il quinto rialzo dei tassi in pochi mesi con tassi saliti di altri 25 punti base al 4,25% in scia alla ripresa economica trainata dalla forte domanda asiatica. Mossa che ha spinto il dollaro australiano (-0,39% a 93,9 il cross dollaro/dollaro australiano).

Oggi giornata scarna di appuntamenti macro con in primo piano solo l'indice Sentix sulla fiducia degli investitori ad aprile. In serata invece spicca la pubblicazione delle Minute dell'ultima riunione del Fomc, comitato di politica monetaria della Federal Reserve. Sarà importante vedere se dai verbali della riunione del 16 marzo emergerà qualche apertura a futuri rialzi dei tassi di interesse alla luce del rafforzamento della congiuntura economica.
COMMENTA LA NOTIZIA