Forex: il voto italiano spinge al ribasso l'euro

Inviato da Luca Fiore il Mar, 08/11/2011 - 17:22
L'euro annulla i guadagni dopo il voto sul Rendiconto. Nonostante il provvedimento sia passato, il voto di poco fa alla Camera dei Deputati ha certificato che ormai il nostro Paese non ha più una maggioranza di governo. I voti a favore sono stati 308, otto in meno rispetto alla maggioranza assoluta. Nel corso della mattina anche il leader della Lega Umberto Bossi ha chiesto al premier Berlusconi di fare un passo indietro, o più diplomaticamente "di lato", per far spazio ad Angelino Alfano.

Il voto italiano nell'evidenziare la fragilità della coalizione di governo, ha nuovamente spinto al rialzo il rendimento del Btp a 10 anni, che poco fa ha toccato un nuovo massimo al 6,72%, con il differenziale di rendimento che è tornato in quota 500 punti base a 492 pb. In scia la moneta unica, che dopo aver toccato un massimo di seduta a 1,3843 dollari poco prima delle votazioni in questo momento quota in lieve rialzo a 1,3782. Ritraccia i guadagni anche l'incrocio con lo yen, che si attesta a 107,17, lo 0,2% in meno rispetto al dato precedente.

Tra le altre valute, continua la discesa del franco. Per acquistare un euro sono necessari 1,2364 franchi, lo 0,3% in meno rispetto al dato precedente. Anche oggi la moneta rossocrociata è stata penalizzata dalle indiscrezioni su un nuovo intervento della Swiss National Bank. Thomas Jordan, vice presidente della SNB, ha confermato che l'istituto centrale sta monitorando la situazione del franco ed è pronta ad agire se sarà necessario.

Per quanto riguarda i dati macro, la bilancia commerciale tedesca a settembre ha registrato un avanzo di 17,4 miliardi, decisamente maggiore rispetto ai 12,5 miliardi del consenso. Il dato scaturisce dal +0,9% delle esportazioni e dal -0,8% messo a segno dalle importazioni (consenso -0,8% e +0,4%).
COMMENTA LA NOTIZIA