1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: torna la voglia di asset rischiosi, l’euro/dollaro di nuovo sopra 1,29

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I dati migliori delle attese arrivati alle 16 dagli Stati Uniti hanno confermato e rafforzato la richiesta di asset rischiosi da parte degli operatori, già ben impostata dopo le indicazioni macroeconomiche europee e le buone trimestrali statunitensi.

Alla vigilia della pubblicazione degli stress-test, che per forza di cose daranno risultati positivi, sui mercati torna l’appetito per il rischio, dopo che le dichiarazioni di ieri sera di Ben Bernanke avevano spedito Wall Street in territorio negativo. Sembrerebbe che gli operatori abbiano rimandato alla prossima settimana le indispensabili valutazioni sulla severità dei test svolti su 91 istituti di credito del Vecchio continente.

Nella prima parte di seduta dall’Europa erano arrivate indicazioni migliori delle attese dagli indici Pmi, a 56 punti per quanto riguarda il comparto dei sevizi ed a 58,3 nella versione relativa il manifatturiero, e dagli ordini industriali, +3,8% a maggio. A migliorare l’umore degli operatori sono poi arrivate le trimestrali statunitensi, con i numeri di 3M, AT&T, Caterpillar, eBay, Eli Lilly, Philips Morris, Qualcomm, Ups e Xerox. Inferiori al consenso i cali del superindice statunitense di giugno (-0,2%) e delle vendite di case esistenti (-5,1%). Ancora in crescita invece le nuove richieste di sussidio, salite a 464 mila.

La moneta unica scambia in rialzo sia nell’euro/dollaro, +1,2% a 1,2919 e sia contro yen, con l’eur/jpy a 112,46 (+1,5%). Dopo esser sceso ai minimi da 7 mesi, sale anche il cross dollaro/yen che quota 87,070 (+0,2%) in scia della rinnovata verve che si respira sui mercati. Degno di nota il calo di quasi 1 punto percentuale messo a segno dallo usd/chf a 1,0399. La moneta svizzera potrebbe diventare la preferita dagli operatori in caso di avversione al rischio se le autorità giapponesi confermassero la loro volontà di evitare un eccessivo apprezzamento della divisa nipponica.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUMENTO DI CAPITALE

Carraro: offerta in opzione, sottoscritto il 99,684%

A conclusione dell’offerta in opzione nell’ambito dell’aumento di capitale, Carraro ha annunciato che sono stati esercitati 43.225.974 diritti per la sottoscrizione di 33.620.202 azioni, pari al 99,684% del totale.

Il controvalore complessivo è d…

BANCHE ITALIA

Veneto Banca: Cda chiede intervento Atlante per ricapitalizzazione

Oggi il Cda di Veneto Banca “ha riaffermato – si legge in una nota diffusa dall’istituto – la propria piena fiducia nella prospettiva dell’aggregazione con Banca Popolare di Vicenza come condizione per il rilancio delle due banche, importante per lo …

MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.