1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex, sterlina/dollaro sotto 1,67 dopo dato Pil

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sul mercato forex la sterlina si mantiene sotto la soglia di 1,67 contro il dollaro, senza nessun particolare scossone dopo la diffusione del dato sul Prodotto interno lordo (Pil) per il quarto trimestre 2013. Il cambio sterlina/dollaro oscilla a 1,6690.

Nella lettura preliminare Pil britannico al quarto trimestre ha mostrato un progresso del 2,7% su base annuale rispetto al +2,8% dell’indicazione precedente e delle attese del mercato. Su base trimestrale è stata registrata una crescita dello 0,7%, in linea con il consenso Bloomberg e con la passata rilevazione. Secondo quanto comunicato dall’ufficio di staistica inglese (Office for national statistics) il Pil per l’intero 2013 dovrebbe mostrare una crescita dell’1,8% rispetto al +1,9% previsto in precedenza.

Ieri il capo economista della BoE, Spencer Dale, ha dichiarato che la banca centrale britannica non sta pianificando un rialzo dei prezzi nel prossimo futuro, e l’eventuale futuro rialzo sarà tuttavia cauto. “La sterlina ha reagisto moderatamente in area 1,6679-1,6681 contro dollaro” ricordano gli esperti dell’ufficio studi di Intesa Sanpaolo nella nota odierna.

Oltremanica i riflettori sono oggi puntati anche sul discorso del consigliere Ben Broadbent (BoE) sulle prospettive dell’economia britannica. Nel corso di un intervento presso l’Istituto per gli Affari economici Broadbent si è soffermato sul rapporto tra il Regno Unito e la crescita globale. “Grazie alla profonda integrazione di banche internazionali e dei mercati dei capitali, i problemi che sorgono in una parte del mondo possono arrivare rapidamente sulle nostre coste “, ha dichiarato Broadbent aggiungendo che “sarebbe un grosso errore, però, immaginare che il sistema ci porta solo problemi”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
ASTA BOND

Italia: Tesoro, mercoledì in asta Bot per 6,75 miliardi

Nell’asta in calendario il prossimo 28 giugno saranno collocati Buoni ordinari del tesoro con scadenza semestrale per 6,75 miliardi. Il 30 giugno scadranno Bot a sei mesi per 6,5 miliardi.

MERCATI

Segno meno per i listini europei

Chiusura all’insegna della prudenza per le borse europee, alle prese con la debolezza del comparto energetico e con indicazioni macro contrastanti arrivate dalla Germania. Il Ftse100 ha terminato l’ultima seduta della settimana con un calo dello 0,2%…

Strategie di investimento

I gestori preferiscono l’azionario europeo a Wall Street. Il report di Bank of America

Sul mercato forex la sterlina si mantiene sotto la soglia di 1,67 contro il dollaro, senza nessun particolare scossone dopo la diffusione del dato sul Prodotto interno lordo (Pil) per il quarto trimestre 2013. Il cambio sterlina/dollaro oscilla a 1,6690. Nella lettura preliminare Pil britannico al quarto trimestre ha mostrato un progresso del 2,7% su […]

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Italia: ancora indietro sui tempi di pagamento della Pa

L’Italia continua a portare la maglia nera nella classifica dei tempi effettivi di pagamento da parte della Pubblica amministrazione (Pa). Secondo l’ultimo rapporto di Intrum Iustitia, le imprese italiane pagano a 52 giorni contro 37 della media euro…