Forex: la mossa sui tassi della Rba spinge l'Aussie oltre la parità

Inviato da Titta Ferraro il Mar, 02/11/2010 - 09:58
Balzo dell'Aussie dopo il rialzo dei tassi di interesse decretato a sorpresa dalla Reserve Bank of Australia (Rba). Il dollaro australiano è scattato in avanti rispetto al dollaro statunitense raggiungendo la parità con un progresso di oltre l'1%. Alle 9.57 il cross AUD/USD viaggia a 1,0001 dollari (toccato massimo a 1,0013). Parità che era stata già superata (momentaneamente) per la prima volta lo scorso 15 ottobre.

La Reserve Bank of Australia (Rba), la banca centrale australiana, ha alzato a sorpresa i tassi di interesse di 25 punti base portandoli da 4,50 a 4,75%. Una decisione dettata dai timori sull'inflazione. "Le preoccupazioni sul possibile rallentamento maggiore del previsto della crescita cinese si sono assopite recentemente, e i prezzi di molte commodity si sono consolidati, dopo un calo nella prima parte dell'anno. I prezzi più importanti per l'economia autraliana rimangono a un livello molto alto, con il risultato che i termini di scambio sono al maggiore livello dal 1950", si legge nella nota odierna della banca centrale australiana. La Rba infatti aveva alzato l'ultima volta il costo del denaro lo scorso maggio.

La decisione presa in Australia è stata seguita dall'India, dove la banca centrale indiana ha alzato i tassi di 25 punti base al 6,25% per limitare le pressioni inflazionistiche. Qui però la mossa, la sesta del 2010, era attesa dagli analisti.

Stasera ci saranno le elezioni di metà mandato negli Usa, con i repubblicani che potrebbero riprendere la maggioranza alla Camera, mentre l'esito al Senato appare molto incerto. "L'impatto sul dollaro di un esito come quello che si prospetta è negativo", rimarca la nota odierna di Forex Capital Markets (FXCM).
COMMENTA LA NOTIZIA