1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Forex: le nuove richieste di sussidio fermano il dollaro, per ora

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I dati rilasciati dal Dipartimento del Lavoro (nuove richieste di sussidio che salgono a 460 mila) permettono all’euro di riguadagnare posizioni contro il greenback, portando il cross a 1,3349. A favore del biglietto verde gioca però il calo delle materie prime (-0,3% per il greggio a 85,6$/barile) e l’avversione al rischio, che torna a farsi sentire.


 

L’aggiornamento arrivato dal mercato del lavoro Usa ha così controbilanciato l’inatteso calo (-0,6% m/m) messo a segno dalle vendite al dettaglio europee di febbraio, che aveva portato il cross a toccare un minimo di seduta in quota 1,3281. Ma ovviamente non sono solo i dati macroeconomici ad appesantire la valuta europea.


 


La richiesta da parte del settore bancario greco di 15 mld di garanzie, dopo che da dicembre i depositi sono scesi del 4,5%, ha portato nuove tensioni sui listini, con lo spread tra il bond a dieci anni di Atene ed il bund a 440 punti, nuovo massimo storico.


 


Poche sorprese dai meeting delle banche centrali, con la Bce e la Boe che hanno rispettivamente confermato il costo del denaro all’1 ed allo 0,5%. Nella consueta conferenza stampa che chiude le riunioni del board, Trichet ha rilevato la ripresa in Eurolandia è “continuata nei primi mesi del 2010” e i tassi di interesse restano ad un “livello adeguato”. Tornando sul piano salva-Grecia Trichet è stato piuttosto esplicito: “la questione non era rifiutare l’aiuto del Fondo monetario internazionale, ma avere governi all’altezza delle proprie responsabilità”.


 


Sempre per restare in tema, l’Istituto con sede a Francoforte ha annunciato che continuerà ad accettare titoli di Stato con rating fino a BBB- a garanzia dei prestiti di rifinanziamento. Una misura che permetterà ad utilizzare i bond di Atene come collaterale.


 


Per quanto riguarda la Gran Bretagna bene la produzione manifatturiera di febbraio, che con un +1,3% ha doppiato le attese del mercato. Anche la sterlina guadagna terreno contro dollaro, portando il cable a 1,5262.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Oro: quotazioni ai massimi da quasi un mese, analisti ottimisti

Dopo due sedute di guadagni, parità per le quotazioni dell’oro a 1.270,1 dollari l’oncia. Venerdì i prezzi si sono spinti fino a 1.272,7 dollari facendo segnare il livello maggiore da inizio mese, in scia della tensione in arrivo dal fronte geopoliti…

VALUTE

Sud Africa: Zuma evita voto sfiducia, ma rischio politico pesa sul rand

Giornate convulse in Sud Africa con il presidente Jacob Zuma sotto attacco con alcuni membri dell’ANC (African National Congress) che hanno cercato di forzare le dimissioni preparando una mozione di sfiducia. Il comitato esecutivo dell’ANP alla fine …

COMMODITY

Petrolio in calo: Wti viaggia sotto 50 dollari

Quotazioni del petrolio in calo in avvio di settimana. In questo momento il Wti lascia sul terreno circa lo 0,3% a 49,65 dollari al barile, mentre il Brent cede lo 0,27% a 52,37 dollari al barile. Nel meeting di giovedì scorso l’Opec ha annunciato l’…