1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: le dimissioni di Hildebrand rafforzano il franco svizzero

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il franco svizzero si rafforza dopo la notizia delle dimissioni di Hildebrand. Philipp Hildebrand, n.1 della Swiss National Bank (SNB), la Banca centrale rossocrociata, poco fa ha annunciato di aver rassegnato le dimissioni. “Alla luce di quanto accaduto negli ultimi giorni -si legge nel comunicato diffuso dalla Banca Centrale- Philipp Hildebrand ha deciso di rassegnare le dimissioni. Il Consiglio ha accettato la decisione, presa da Hildebrand per proteggere l’istituzione”.

La notizia ha spinto il cambio euro/franco e quello con il dollaro ai minimi di giornata. Il primo cross è sceso a 1,2106 mentre il secondo ha toccato quota 0,9489. In questo momento sono necessari 1,2137 franchi per acquistare un euro e 0,9535 per un dollaro.

Travolto dallo scandalo insider trading, Hildebrand ha messo la parola fine alle polemiche che nei giorni scorsi avevano accompagnato la diffusione della notizia dell’operazione in valuta straniera, compiuta su un conto intestato alla moglie, avvenuta a ridosso della mossa del governatore di fissare a 1,2 il livello minimo del cambio euro/franco svizzero.

In un primo momento Hildebrand si era rifiutato di dimettersi, sostenendo di aver sempre rispettato i regolamenti. Ma ora “per difendere la credibilità della SNB” ed alla luce dell’incapacità di provare che “le operazioni sul forex sono state fatte a mia insaputa”, Hildebrand ha deciso di uscire di scena.

Nonostante questo, l’ex presidente ha voluto rimarcare il “successo delle politiche messe in campo negli ultimi anni dalla Banca centrale svizzera”. Il ruolo di Presidente sarà coperto dal Vice Chairman Thomas Jordan. “La capacità del board della Banca di prendere decisioni e di agire sono pienamente garantite”, si legge nel comunicato della SNB.