1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Forex: l’incertezza favorisce il dollaro, giù le commodity currencies

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le accuse contro Goldman Sachs favoriscono il ritorno dell’avversione al rischio, che si traduce in un rafforzamento di dollaro a scapito delle commodities currencies. Se da un lato la situazione greca non sembra fare passi avanti, le accuse della Sec a Goldman Sachs (ed i timori che altri big abbiano avuto comportamenti simili a quelli contestati alla “piovra”) hanno riportato l’incertezza sui mercati, penalizzando quindi gli asset più rischiosi.

Per quanto riguarda la Grecia, l’emergenza causata dalla nube di cenere proveniente dall’Islanda ha fatto rinviare il summit tra Commissione europea, Fondo monetario internazionale e Banca centrale europea al 21 aprile. Intanto il differenziale di rendimento tra i bund a 10 anni ed i corrispondenti titoli emessi da Atene si è riportato a 462 punti, ai massimi dall’ottobre 1998.

Il cross euro/dollaro viaggia stabile a 1,3476 (1,3478 prec.), con i conti trimestrali di Citigroup ed il superindice di marzo (+1,4%) che hanno interrotto il rally del greenback. La moneta statunitense mostra invece i muscoli contro il dollaro australiano (aud/usd a 0,9203), quello canadese a 1,0178 e contro yen a 92,310.