Forex: guerra valutaria capitolo secondo (analisti)

Inviato da Luca Fiore il Mar, 04/02/2014 - 20:05
Siamo nella seconda fase della dell'ormai famigerata "guerra valutaria" che potrebbe sfociare in un nuovo interventismo da parte delle banche centrali di Giappone e Svizzera. È quanto si legge in un commento sull'andamento del mercato valutario di Davide Marone, analista valutario DailyFX (Fxcm).

Tre i fattori, secondo Marone, alla base di questo scenario. "La pressione in vendita sulle Borse appare ancora molto forte con l'incapacità di tornare sui massimi dopo il 'tapering 2'; in secondo luogo, la progressiva rottura dei punti di supporto principali dei vari indici benchmark e in terzo luogo l'assenza di ritracciamenti significativi".

"Se a questo scenario -continua l'analista- associamo l'impressionante cammino al rialzo del Bund tedesco, asset rifugio per eccellenza, e di valute quali yen e franco svizzero (safe haven e di nuovo in grado di attrarre flussi di liquidità in risk off), il quadro sembra ben delinearsi". Questo "potrebbe indurre ad un rinnovato interventismo delle banche centrali, BoJ e Snb in testa ovviamente, vero e proprio leitmotiv del primo round della guerra valuataria".
COMMENTA LA NOTIZIA