1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: la Gran Bretagna in recessione tecnica, l’incremento del QE si fa più probabile

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Gran Bretagna torna ufficialmente in recessione. Oggi i dati diffusi dall’Ufficio centrale di statistica britannico hanno confermato che nel primo trimestre il Pil d’Oltremanica è sceso, in linea con le stime degli analisti e con la seconda lettura, dello 0,3% congiunturale. Il dato relativo gli ultimi 3 mesi del 2011 è stato rivisto al ribasso al -0,4%.

Il ritorno in recessione dell’economia Britannica è avvenuto più velocemente del previsto e sta spingendo gli operatori a scommettere su un ulteriore incremento del piano di allentamento quantitativo (Quantitative Easing, QE) da parte della Bank of England.

Martedì scorso il governatore della BoE, Mervyn King, ha rilevato come l’outlook economico sia decisamente peggiorato nelle ultime settimane a causa delle tensioni in arrivo dall’Europa. Le minute dell’ultima riunione del board della BoE hanno rilevato che i membri a favore di un incremento del QE di 50 miliardi di sterline sono passati da uno a quattro, King compreso. Gli analisti a questo punto scommettono che questo orientamento diventerà maggioranza nella riunione del 4/5 luglio.

In questo contesto la sterlina quota in calo dello 0,4% nel cambio con il dollaro Usa a 1,5506 usd, il livello minimo da due settimane, e scambia sostanzialmente invariata nel cross con la moneta unica a 0,8019 gbp. Nonostante la prospettiva di nuova liquidità, la tenuta del pound è attribuibile al fatto che negli ultimi mesi la divisa britannica agli occhi degli investitori ha guadagnato lo status di moneta rifugio.

“Con i rendimenti dei gilt nei pressi dei minimi storici -ha dichiarato Michael Hewson di Cmc Markets- il fatto che la Gran Bretagna possa controllare la propria politica monetaria gli ha permesso di guadagnare il ruolo di rifugio sicuro dalle tensioni europee”.