1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: gli indici di fiducia fanno ripartire l’euro/dollaro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La pubblicazione del market-mover della settimana, il dato sul Prodotto interno lordo a stelle e strisce del secondo trimestre, nel primo pomeriggio ha messo di cattivo umore gli operatori, allontanandoli dagli asset considerati più a rischio. A far ripartire gli acquisti ci hanno pensato gli indici di fiducia, con il Pmi (fiducia dei direttori degli acquisti di Chicago) salito a 62,3 punti nonostante il consenso avesse pronosticato un calo a 56 punti, e l’indicatore dall’Università del Michigan salito rispetto al dato preliminare a 67,8 punti.

Nel secondo trimestre il Prodotto interno lordo statunitense ha registrato in termini reali una crescita annualizzata del 2,4%, inferiore di 10 pb rispetto al consenso ed in calo nel confronto con il +4,4% registrato negli ultimi sei mesi. Il dato relativo il primo trimestre è stato rivisto al rialzo al 3,7%, un punto percentuale al di sopra della precedente rilevazione. A pesare sul Pil del periodo aprile-giugno la crescita delle importazioni. Un aumento che non si registrava dal lontano 1984. Peggio delle attese anche l’andamento dei consumi, che dal +3% hanno registrato un rallentamento all’1,6%.

In questo momento il cross euro/dollaro quota sostanzialmente invariato a 1,3066. Nella prima parte era stato toccato un massimo di poco sotto quota 1,31 dollari (1,3093). Dopo i minimi da 8 mesi seguiti la pubblicazione del dato sulla crescita della prima economia del pianeta, il dollaro/yen ha ridotto le perdite e scambia in calo dello 0,3% a 86,45. -0,3% anche per l’euro/yen a 112,96.

Dal Giappone dati peggiori delle attese sono arrivati dal tasso di disoccupazione, salito a giugno al 5,3%, e dalla produzione industriale, in calo di 1 punto e mezzo percentuale a giugno. In linea con le stime invece il -0,7% annuo dell’inflazione. Per quanto riguarda il Vecchio continente, l’inflazione nella Zona Euro a luglio ha registrato un massimo da 20 mesi all’1,7% mentre il tasso di disoccupazione si è confermato al 10%, livello maggiore da 12 anni.

Sempre per quanto riguarda l’Europa, dopo i conti pubblici statunitensi oggi gli analisti di Moody’s hanno rivolto la loro attenzione alla Spagna, annunciando che la tripla A spagnola è sotto revisione per un eventuale downgrade.

Commenti dei Lettori
News Correlate
OBBLIGAZIONARIO

Saipem: rinnovato e ampliato il Programma EMTN

Via libera del Cda di Saipem al rinnovo per un anno del programma di emissioni di prestiti obbligazionari non convertibili denominato Euro Medium Term Notes Programme (“EMTN”), in scadenza nel prossimo mese di luglio.

L’importo massimo delle obbl…

NUOVI CONTRATTI

Astaldi: nuovo contratto ferroviario da 82 milioni di euro in Polonia

Il Gruppo Astaldi si è aggiudicato i lavori di ammodernamento di una tratta della Linea ferroviaria E-59 Varsavia-Poznań (Lotto IV). Il valore delle opere da realizzare è pari a 82 milioni di euro, con Astaldi leader di un raggruppamento di impr…

IMMOBILIARE

Beni Stabili: venduto immobile a Luxottica per 114,5 milioni

Beni Stabili oggi ha firmato un accordo per la vendita al Gruppo Luxottica di un immobile, uso uffici, di 11.705 mq situato a Milano in via San Nicolao per circa 114,5 milioni di euro.

Il prezzo dell’immobile è superiore al valore di perizia e ge…

MERCATI

Mercati europei sotto la parità. BCE e BoE sotto i riflettori

Chiusura sotto la parità per le borse europee in scia della debolezza del comparto delle utilities (-2,4%), delle Tlc (-1,3%) e dell’automotive (-1,57%). A penalizzare quest’ultimo settore è stato il warning lanciato dalla tedesca Schaeffler (-10,87%…