Forex: forte discesa inflazione australiana frena l’aussie

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

In discesa oggi le quotazioni del dollaro australiano. L’aussie è sceso fino a 1,0247 rispetto al dolalro Usa dopo i riscontri arrivati dall’inflazione, scesa più del previsto e che ha quindi aperto la strada a un nuovo taglio dei tassi già settimana prossima al fine di stimolare l’attività economica.
I prezzi al consumo australiani nei primi tre mesi dell’anno sono saliti dello 0,1%. Lo ha reso noto l’Australian Bureau of Statistics. Gli analisti si attendevano comunque una crescita più significativa e pari allo 0,6%. Il tasso di inflazione annualizzato si porta all’1,6% rispetto al +2,2% atteso dal consensus elaborato da Bloomberg e al +3,1% del primestre precedente. Si tratta del ritmo di crescita dei prezzi più basso dal 2009.
La Reserve Bank of Australia (Rba) si riunirà il prossimo 1 maggio. Il governatore della Rba, Glenn Stevens, a inizio aprile aveva fatto intendere che la decisione di un nuovo taglio dei tassi dipendenva proprio dall’outlook sull’inflazione.

In lieve recupero oggi l’euro a 1,317 dollari. Attesa per le aste in agedna per Spagna e Italia. Il Ministero dell’Economia emetterà Certificati di credito del Tesoro “zero coupon” con scadenza 2014 per 1,5-2,5 miliardi di euro. Saranno inoltre emessi Buoni del Tesoro Poliennali indicizzati all’inflazione dell’Area Euro con scadenza 2017 e 2019 per 0,5-1 miliardo di euro. Oggi in programma anche una nuova asta di titoli a breve scadenza in Spagna. L’asta riguarderà titoli a 3 e 6 mesi per un importo che va da un minimo di 1 miliardo di euro a un massimo di 2 miliardi.

Commenti dei Lettori
News Correlate
TRIMESTRALI

Coca-Cola: utili calano del 20% nel primo trimestre

Coca-Cola ha registrato nel primo trimestre del 2017 un utile netto in calo a 1,18 miliardi di dollari, ossia 27 centesimi ad azione, rispetto ai 1,48 miliardi, ossia 34 centesimi ad azione, dell’analogo periodo nel 2016. Su base adjusted, ossia al n…

BORSA ITALIANA

STM, spinta da conti stellari dell’austriaca AMS

La società austriaca AMS, quotata a Zurigo, uno dei fornitori di chip di Apple, vola in rialzo del 17% circa dopo aver annunciato che dovrà rivedere al rialzo la previsione di lungo periodo sui ricavi, stimati ora in crescita del 30% di media annua n…

BORSA ITALIANA

Titoli di Stato: spread BTp-Bund 10y a 188 punti base

Spread a 188 punti base quando sono da poco passate le ore 13. Il differenziale di rendimento fra il BTp e il Bund a dieci anni è in risalita questa mattina dopo il rally di ieri, innescato dall’esito del primo turno delle presidenziali francesi, in …