Forex: il focus si sposta sulle banche centrali

Inviato da Luca Fiore il Mar, 03/07/2012 - 16:53
Giornata interlocutoria per il mercato valutario. La seduta pre-festiva negli Stati Uniti e l'attesa in vista delle decisioni delle Banche centrali stanno favorendo la cautela tra gli operatori. Le tensioni alimentate ieri da Finlandia e Olanda, che hanno minacciato di bloccare (o quantomeno di rallentare) gli acquisti dei bond dei Paesi in difficoltà da parte del Fondo salva Stati, oggi sono stati smorzati dalla Commissione Ue che ha ricordato che per "le decisioni urgenti e necessarie a preservare la stabilità dell'Eurozona" basta l'85% dei consensi (ed i due Paesi insieme rappresentano il 7,4%).

Ora il focus si sposta sulle banche centrali. Alla luce del recente peggioramento evidenziato dai dati macro, nel Vecchio continente il costo del denaro dovrebbe essere fissato allo 0,75%, 25 punti base in meno rispetto al livello attuale, mentre Oltremanica il piano di acquisto asset è atteso in crescita di 50 miliardi a 375 miliardi di sterline.

In questo contesto l'indice che misura le performance del dollaro contro un basket composto dalle maggiori valute, il dollar index, quota sostanzialmente invariato sotto gli 82 punti. Lieve rialzo per l'eurodollaro a 1,26 mentre il cambio tra la sterlina ed il biglietto verde si attesta a 1,5673.

Nel primo caso "la rottura dei minimi di ieri a 1,2580, ha aperto lo spazio per una correzione a 1,2560, dove transita la media mobile a 200 ore", ha commentato Vincenzo Longo di IG Markets secondo cui "il livello successivo transita per 1,2520, mentre la resistenza si colloca a 1,2625". "Solo uno sfondamento sopra questo livello aprirebbe lo spazio all'1,27 che rimane il principale livello rialzista odierno".

Per quanto riguarda il cable "una resistenza da monitorare -continua Longo- transita a 1,5740 dove passa la trend line rialzista passante per i minimi del primo e del 15 giugno scorso. Al ribasso solo una rottura decisa di 1,5660-1,5650 potrebbe aprire lo spazio per una correzione sino a 1,5600-1,5580".
COMMENTA LA NOTIZIA