1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: finito l’effetto-Moody’s, euro sopra 1,23 contro dollaro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo qualche incertezza seguita il downgrade di Moody’s sulla Grecia, le Piazza azionarie e l’euro riprendono la loro risalita. A migliorare l’intonazione generale ci hanno pensato i buoni risultati delle aste di titoli pubblici di Spagna (5,2 mld), Belgio (2,5 mld) e Irlanda (1,5 mld); la moneta unica ha così ripreso a guadagnare contro dollaro, con il cross che in questo momento quota non lontano dai massimi di seduta (1,2332) a 1,2316 (+0,86%). Negli Stati Uniti tengono ancora banco le future mosse della Federal Reserve. “Il consensus degli analisti tende a spostare al 2011 l’ipotesi di un primo rialzo del tasso di riferimento”, fanno notare gli esperti di Mps Capital Services.

Per quanto riguarda i dati macro, gli operatori hanno dato scarsa importanza ai 28,7 punti dello Zew, contro i 42 del consenso (che in qualunque caso rimane nei pressi della media storica a 27 punti). In calo anche l’indicatore relativo l’intera Eurozona, dimezzatosi da 37,6 a 18,8 punti. Dall’altra sponda dell’Atlantico, sotto le stime i prezzi delle importazioni, in discesa dello 0,6% m/m a maggio (consensus -1,2% m/m), e l’Empire manufacturing di giugno, a 19,57 punti (20 punti). Meno mezzo punto percentuale su base mensile per l’indice Redbook (prime due settimane di giugno) e flussi netti Tic in contrazione a 83 miliardi, dai 140,5 miliardi di dollari di marzo. Arrivato anche l’indice del National Home Builders (Nahb) relativo lo stato di salute del mercato immobiliare Usa, che a giugno è sceso a 17 punti, al di sotto dei 22 precedenti e del consenso.

Dalla Gran Bretagna buone notizie dall’inflazione di maggio, scesa dal 3,7 al 3,4 per cento; il dato “core”, calcolato al netto delle variazioni dei prodotti alimentari e di quelli energetici, registra una contrazione dal 3,1% al 2,9%. Nonostante questa notizia allontani l’ipotesi di un’anticipazione della politica restrittiva, il cable (gbp/usd) segna una crescita superiore al mezzo punto percentuale a 1,4811. Il dollaro perde terreno (-0,49% per il dollar index a 86,02) anche contro lo yen, portando il cross a 91,180 (-0,46%). La Bank of Japan nel confermare il costo del denaro allo 0,1%, ha annunciato un piano da 3 trilioni per agevolare il credito alle imprese.

Commenti dei Lettori
News Correlate
CONTRATTO

Terna, firmato closing per acquisizione di due concessioni in Brasile

Terna ha firmato il closing dell’operazione per l’acquisizione di due concessioni riguardanti la realizzazione ed esercizio di circa 4500 Km di infrastrutture elettriche in Brasile. Il perfezionamento dell’acquisizione porterà a due nuove linee nello…

MACROECONOMIA

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi prevede alle 12 a Londra la presentazione del Financial Stability Report da parte del governatore della Bank of England, Mark Carney. Probabile che il chairman colga l’occasione per ribadire la necessità di confermare il costo …

MERCATI

Borse europee positive. In serata l’appuntamento è a Sintra

Gli acquisti sui bancari innescati dalle notizie in arrivo dal nostro Paese spingono le borse europee nella prima seduta dell’ottava. Il Ftse100 si è fermato a 7.446,80 punti, +0,31%, il Dax è salito a 12.770,83, +0,29%, il Cac40 a 5.295,75, +0,56%, …