1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: finito l’effetto-Bin Laden, tornano le vendite sul dollaro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Torna a scendere il dollaro dopo una fiammata in corrispondenza della diffusione della notizia della morte di Osama Bin Laden. Il dollar index, l’indice che misura l’andamento del biglietto verde nei confronti di un basket di valute, dopo aver toccato un massimo di seduta a 73,29 punti si sta riportando sui minimi da tre anni, toccati nel corso della notte a 72,722. Andamento speculare delle commodities. Dopo le vendite della prima parte, l’oro quota 1.563 dollari ed il light crude scambia 113,55 dollari il barile.

L’eurodollaro (massimo di seduta a 1,4901) in questo momento sale dello 0,4% a 1,4879 nei pressi dei massimi da 17 mesi. La moneta unica si rafforza anche nel cross con la divisa giapponese, in crescita a 120,81 yen, ed in quello con la sterlina, a 0,8915 pound. Sostanziale parità a 81,2 per il dollaro yen.

Dal fronte macro il Pmi manifatturiero dell’Eurozona ad aprile è salito a 58 punti mentre il corrispondente dato a stelle e strisce è sceso a 60,4 punti. Sempre dagli Stati Uniti sopra le attese il dato relativo le spese per costruzioni, salite a marzo dell’1,4% mensile (consenso +0,3% m/m).

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUMENTO DI CAPITALE

Carraro: offerta in opzione, sottoscritto il 99,684%

A conclusione dell’offerta in opzione nell’ambito dell’aumento di capitale, Carraro ha annunciato che sono stati esercitati 43.225.974 diritti per la sottoscrizione di 33.620.202 azioni, pari al 99,684% del totale.

Il controvalore complessivo è d…

BANCHE ITALIA

Veneto Banca: Cda chiede intervento Atlante per ricapitalizzazione

Oggi il Cda di Veneto Banca “ha riaffermato – si legge in una nota diffusa dall’istituto – la propria piena fiducia nella prospettiva dell’aggregazione con Banca Popolare di Vicenza come condizione per il rilancio delle due banche, importante per lo …

MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.