1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: finale di ottava con il segno meno per dollaro, yen e franco

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Continua la fase di debolezza del biglietto verde. Quarta seduta consecutiva con il segno meno per la divisa statunitense che all’indomani della presentazione del nuovo piano di allentamento quantitativo, un “Open-ended QE3” poiché gli acquisti della Fed continueranno ad oltranza, vede il dollar index scendere dello 0,6% a 78,76 punti, il livello minore da inizio maggio.

Già a partire da oggi la Fed di New York inizierà gli acquisti di Mbs (Mortgage-backed securities) che per ora saranno limitati a 40 miliardi al mese, anche se la Banca centrale ha già fatto sapere di esser pronta ad incrementare la potenza di fuoco se le condizioni della prima economia dovessero renderlo necessario. Il nuovo round di quantitative easing si svolgera in concomitanza con l’operazione Twist, l’acquisto di bond con scadenze comprese tra i 6 ed i 30 anni e la contemporanea vendita di titoli sotto i tre anni. La Banca centrale statunitense ha inoltre esteso da “fine 2014” a “almeno metà del 2015” l’impegno a mantenere il costo del denaro ai minimi storici e cioè nel range 0-0,25%.

In queste condizioni il cambio con la moneta unica è salito ai massimi da quattro mesi in quota 1,3146. Oggi Morgan Stanley ha annunciato di aver alzato la stima sul cross eurodollaro, che a fine anno ora è atteso in quota 1,34, dall’1,19 precedente. Più cauta la view del Credit Suisse e quella dei 48 analisti contattati da Bloomberg secondo cui entro fine anno saranno necessari 1,23 dollari per acquistare un euro.

La voglia degli operatori di asset rischiosi sta penalizzando anche la divisa nipponica che in questo momento vede il cambio con l’euro salire di oltre due punti percentuali ai massimi da metà maggio a 102,9 yen. Un’altra vittima illustre è il franco svizzero. Questa mattina il cambio tra la moneta unica e quella elvetica è salito nei pressi dei massimi da inizio anno in quota 1,2177 franchi. Ieri la Swiss national bank ha confermato il floor a 1,2 franchi ribadendo che continuerà a difendere tale livello “con la massima determinazione”. Nelle ultime sedute la risalita del cross era stata favorita dalle indiscrezioni su un possibile innalzamento del tetto a 1,22 chf.

Commenti dei Lettori
News Correlate
ASTA BOND

Italia: Tesoro, mercoledì in asta Bot per 6,75 miliardi

Nell’asta in calendario il prossimo 28 giugno saranno collocati Buoni ordinari del tesoro con scadenza semestrale per 6,75 miliardi. Il 30 giugno scadranno Bot a sei mesi per 6,5 miliardi.

MERCATI

Segno meno per i listini europei

Chiusura all’insegna della prudenza per le borse europee, alle prese con la debolezza del comparto energetico e con indicazioni macro contrastanti arrivate dalla Germania. Il Ftse100 ha terminato l’ultima seduta della settimana con un calo dello 0,2%…

Strategie di investimento

I gestori preferiscono l’azionario europeo a Wall Street. Il report di Bank of America

Continua la fase di debolezza del biglietto verde. Quarta seduta consecutiva con il segno meno per la divisa statunitense che all’indomani della presentazione del nuovo piano di allentamento quantitativo, un “Open-ended QE3” poiché gli acquisti della Fed continueranno ad oltranza, vede il dollar index scendere dello 0,6% a 78,76 punti, il livello minore da inizio […]

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Italia: ancora indietro sui tempi di pagamento della Pa

L’Italia continua a portare la maglia nera nella classifica dei tempi effettivi di pagamento da parte della Pubblica amministrazione (Pa). Secondo l’ultimo rapporto di Intrum Iustitia, le imprese italiane pagano a 52 giorni contro 37 della media euro…