Forex: euro e sterlina in calo, il mercato del lavoro sostiene l'aussie

Inviato da Luca Fiore il Gio, 13/05/2010 - 17:35
La moneta unica perde ancora terreno contro dollaro e yen. Nonostante anche il Portogallo, così come del resto la Spagna, stia per mettere in campo nuove misure taglia-deficit, l'euro continua a perdere terreno, scambiando a 1,2581 contro dollaro (-0,5%) ed a 116,72 nel cross con lo yen (-0,92%). Sostenuto anche dal calo delle materie prime (-1,75% per il greggio a 74,3 $/barile), il dollaro ha incrementato i guadagni dopo la pubblicazione dei dati macroeconomici, che hanno visto le nuove richieste di sussidi attestarsi a 444 mila unità ed i prezzi delle importazioni salire dello 0,9% mensile ad aprile.

Dalla Bce, che nel bollettino mensile ha definito l'attuale costo del denaro "appropriato" ed ha pronosticato un'inflazione "moderata", oggi è arrivato un monito al risanamento delle finanze pubbliche da parte dei Paesi membri. I Governi della Zona Euro, si legge nel comunicato dell'Eurotower, devono intraprendere "un´azione incisiva per un risanamento durevole e credibile delle finanze pubbliche".

La seduta si è inoltre caratterizzata per l'indebolimento della sterlina, che quota 1,4659 nel cable (gbp/usd) e 136,01 contro yen (gbp/jpy); il pound ha pagato pegno al deficit commerciale, salito a 7,5 mld di sterline a marzo. Ha invece festeggiato le indicazioni macro l'aussie, il dollaro australiano, che scambia in rialzo dello 0,8% contro dollaro (aud/usd a 0,9012) e mostra i muscoli anche contro dollaro canadese e neo-zelandese (aud/cad a 0,9141 e aud/nzd a 1,2537). A supportare l'aussie oggi ci hanno pensato i dati relativi il mercato del lavoro, che ad aprile ha visto crescere le buste paga (+33.700) oltre le attese (+22.000).
COMMENTA LA NOTIZIA